Sergio Vozza espone al Belvedere, una mostra “di spessore”

Sergio Vozza espone al Belvedere, una mostra “di spessore”

Claudio Sacco

-«Lo spessore del tempo». Questo il titolo della mostra personale di Sergio Vozza che sarà inaugurata sabato 23 ottobre alle 17 al Belvedere di San Leucio. Nella sala Ferdinando saranno in esposizione le opere dell’artista leuciano adottato da Venezia. L’iniziativa è promossa dalla Pro Loco Real Sito San Leucio, guidata da Domenico Villano, in collaborazione con il Comune di Caserta. A curare la mostra il critico d’arte Enzo Battarra. Sergio Vozza ha le sue radici nel borgo leuciano dove è nato, a Mestre e alla città della laguna sono invece legate le sue attività lavorative ma l’arte, quella è rimasta in bilico tra il mare e la sua città. Un’esperienza lunga decenni e maestri importanti che lo hanno segnato, da Martinolli a Candian, da Paccagnella a Da Lozzo. Le sue opere sono state in mostra in tutta Italia e ora ritorna nella sua San Leucio. Così scrive Enzo Battarra nel suo testo di presentazione: «Non c’è tempo, non c’è il tempo. L’azione è sospesa, congelata, freezata, come si direbbe oggi. E il luogo è un’iperbole fantastica, non è mai un luogo comune, ma sempre una stanza della propria memoria. Il teatro magico si costruisce così. Sono autoritratti del pensiero i quadri di Sergio Vozza. Sono capitoli di vita vissuta. Sono storie, ma soprattutto sono momenti mai trascurabili. Raccontano eventi e accadimenti, ma li sublimano, li portano fuori dalle reali proporzioni. Ogni opera di Sergio Vozza è un passo avanti, soprattutto è un passo oltre. Perché è una trasfigurazione, è ciò che va oltre il figurare, oltre la rappresentazione. Perché è la trasformazione di una visione collettiva in uno sguardo personale, è ciò che l’artista “vede” oltre la forma di un oggetto, di un particolare architettonico, di un ambiente domestico. Perché è una trasparenza, ovvero la capacità di andare oltre l’apparire, e ancor meglio oltre l’apparenza. Allora, quel tempo che non c’è, quel tempo negato, sospeso, finisce per avere uno spessore. E che spessore! È materia che invita alla riflessione, a ri/flettere, a tornare su di sé. Ma non è solo l’artista a guardarsi allo specchio. In quello specchio ognuno ritrova la propria immagine, ovvero l’immagine di un proprio pensiero. È questa la meraviglia dell’arte». La mostra potrà essere visitata fino al 6 novembre dalle 10 alle 12.30 e dalle 16.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7775 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

Cristina Donadio, tanto teatro con due gocce di Scianel

(Maria Beatrice Crisci) – Vestirà i panni di Annalisa, detta Scianel, anche nella terza serie Gomorra. E’ l’attrice Cristina Donadio che incontriamo a margine del #ForumBSB tenutosi a Caserta lo

Primo piano 0 Comments

Caserta. Al Pinto studenti in festa, vince la solidarietà

Maria Beatrice Crisci – L’Istituto Alberghiero Ferraris, l’Itc Terra di Lavoro e il Don Gnocchi di Maddaloni. Queste le tre scuole che si sono aggiudicate i primi tre posti al termine di una intensa

Cultura 0 Comments

Da Alterum l’ultimo incontro di Un giorno per la memoria

Claudio Sacco – Il salotto culturale di Alterum a San Nicola La Strada ha ospitato giovedì scorso l’ultimo dei tre incontri di presentazione dell’antologia “Un giorno per la memoria” della giornalista

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply