Sportello Salute Anci Campania, alla guida Antonio Salvatore

Sportello Salute Anci Campania, alla guida Antonio Salvatore

Maria Beatrice Crisci

-L’Anci Campania ha istituito lo “Sportello Salute” per la tutela del diritto alla salute delle comunità locali. La direzione scientifica e la responsabilità organizzativa è stata affidata al professor Antonio Salvatore. A conferire l’incarico il presidente Anci Campania Carlo Marino.

Lo Sportello Salute è un osservatorio permanente di legislazione nazionale e regionale, costantemente popolato con provvedimenti legislativi ed amministrativi e con evidenze tecnico-giuridiche sviluppate in collaborazione con Università, IRCCS ed Enti di Ricerca. Uno strumento a servizio dei Comuni (in tal senso è attiva una mail dedicata: sportellosalute@ancicampania.it) per una efficiente ed efficace organizzazione dei servizi sanitari orientati alla domiciliarità innovativa.

Queste le parole del professore Salvatore: “Il sistema sanitario nazionale e regionale è costretto sempre più a coniugare i crescenti bisogni assistenziali con la sostenibilità economico-finanziaria, in un contesto, peraltro, di forte fermento scientifico e tecnologico. L’efficacia e l’appropriatezza clinica ed organizzativa delle prestazioni rese dal Servizio Sanitario Regionale alle comunità sono, quindi, ineludibili. Occorre, pertanto, un’analisi complessiva e sistemica del fabbisogno di salute dei territori, allo scopo di implementare setting assistenziali appropriati e sicuri.

Nuovi modelli organizzativi che garantiscano equità ed omogeneità di accesso all’assistenza orientata ai territori, alla centralità della persona ed al ruolo cardine della famiglia.

Una riorganizzazione del sistema salute regionale che vede i Comuni protagonisti. Lo Sportello Salute, che si avvarrà della preziosa collaborazione di un Comitato Tecnico Scientifico, supporterà i Comuni mettendo loro a disposizione evidenze tecnico-giuridiche, sviluppate in collaborazione con istituzioni sanitarie regionali e nazionali, con associazioni di categoria, con IRCCS, Università ed Enti di ricerca. Il benessere psico-fisico delle comunità genera ricchezza sociale ed economica”.

Lo sportello Salute sarà accessibile mediante una pagina web creata ad hoc sull’attuale piattaforma.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6140 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

A Pompei una tragedia dopo l’altra, grande stagione di teatro!

Mario Caldara – Al mondo esistono cose immortali, cose che hanno resistito ai millenni, prima dimenticate e poi tornate ad acquisire un ruolo centrale. Le antiche culture greche e latine

Food

Venticinque anni di sagra, Sant’Arpino capitale del casatiello

Maria Beatrice Crisci – E venne il tempo del casatiello, tra i più antichi e suggestivi sapori della tradizionale cucina contadina campana. È una torta salata a base di formaggio, salame e

Primo piano

A Casal di Principe una Summer School di giornalismo

Sono aperte le iscrizioni alla Summer School 2016 di giornalismo investigativo al tempo del Califfo. Sono dieci le borse di studio per giovani giornalisti che per tre giorni, dal 9

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply