Terra senza confini, l’archeologia campana è al Mann

Terra senza confini, l’archeologia campana è al Mann

Luigi Fusco (Ph Livia Pacera)

– “La Piana Campana: una terra senza confini” è il titolo della mostra inaugurata al Museo Nazionale Archeologico di Napoli. Per la prima volta le sale del MANN ospitano reperti, per la maggiore inediti, provenienti dalla vasta area del piano campano, l’ampio territorio che parte dai Campi Flegrei e arriva fino al basso Lazio.
Per l’occasione sono stati restaurati pezzi provenienti dai depositi dello stesso museo, datati dal Neolitico all’Età del Bronzo.

“La Campania è davvero una terra senza confini, e la nostra missione è fare conoscere al mondo la storia millenaria di questa regione che fu chiave del Mediterraneo, anche prima dell’Impero Romano: lo facciamo legando così il nome Campania a un grande progetto di valorizzazione della sua archeologia” – ha dichiarato il direttore del MANN Paolo Giulierini.
In linea con quanto già fatto per la mostra sugli Etruschi, l’esposizione inizia con i manufatti di Gricignano e Carinaro dell’età del Bronzo, prosegue, poi, con reperti provenienti dalla Valle del Clanis, della fine dell’VIII secolo a.C., e continua con Cuma e la sua Tomba Artiaco, ma anche con i corredi funerari di sepolture di bambini.
Dall’area ausone-aurunca, tra i pezzi unici, vi è la tomba 89 della bambina di Cales, con la conocchia in vetro blu ed i calzari in bronzo, insieme agli ex-voto e le terrecotte architettoniche.
Il secondo ambiente del percorso, che si sviluppa tra territorio e collezioni, comprende, per Capua, le terrecotte dal santuario del fondo Patturelli e un simulacro di Mater Matutae. Un focus è, inoltre, dedicato anche a Suessula, odierna Acerra, con oggetti un tempo rientranti nella collezione Spinelli.
In esposizione pure una selezione dei manufatti etrusco-italici della Collezione Borgia.
Curatori della mostra sono Paolo Giulierini, Emanuela Santaniello e Mariateresa Operetto.
Il progetto, invece, nasce dalla collaborazione del MANN con la Saint Mary’s University (Halifax, Canada).

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1077 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

“Io mangio italiano”, vincente la “chitarra” di Giuseppe Redi

Claudio Sacco – Giuseppe Redi studente dell’Istituto Alberghiero Veronelli di San Prisco è il vincitore della sezione Premio Giovani del contest “Io mangio Italiano”. La premiazione nell’ambito della prima edizione di

Primo piano

Addio al nubilato! Elettra Lamborghini a Tenuta San Domenico

Maria Beatrice Crisci -Elettra Lamborghini ha scelto la bellissima Tenuta San Domenico a Capua, nella suggestiva frazione di Sant’Angelo in Formis, per festeggiare il suo addio al nubilato. Le nozze

Attualità

Omaggio a San Sebastiano, la Caserta dell’arte si fa in cinque

Maria Beatrice Crisci –San Sebastiano è il Santo Patrono della città di Caserta. Lo è in coabitazione con Sant’Anna. Ma la sua figura, a differenza di quella vecchieggiante della madre