World Pasta Day, la festa del primo piatto più amato al mondo

World Pasta Day, la festa del primo piatto più amato al mondo

Redazione -È  il piatto simbolo della Dieta Mediterranea. È la pasta, bontà tutta italiana che si merita anche un giorno per essere celebrata ed è proprio oggi, 25 ottobre il World Pasta Day. La pasta è considerata un vero e proprio piatto nazionale. Non esiste al mondo un piatto più amato e consumato. Certo non bisogna esagerare ma fa bene alla salute poiché è ricca di carboidrati complessi a lento rilascio. L’evento è organizzato da Unione Italiana Food e IPO – International Pasta Organization e viene festeggiato in tutto il mondo. Secondo una stima, ogni italiano ne consuma oltre 23 chili all’anno, e un piatto di pasta mangiato nel mondo su quattro è italiano.

I pastifici italiani battono nella produzione quelli di Usa, Turchia, Egitto e Brasile. Il 62% della produzione di pasta in Italia è destinato all’esportazione, soprattutto verso il Regno Unito, la Germania, la Francia e il Giappone, Paesi particolari estimatori del prodotto. Il settore dei pastifici italiani conta centoventi imprese, con più di diecimila addetti, e un giro di mercato di circa 5,6 miliardi di euro.

About author

You might also like

Comunicati

Lavoratori by night, nasce in in Campania il sindacato

Comunicato stampa Si chiama SILS ed è il sindacato che tutelerà e rappresenterà i diritti dei lavoratori del by night sarà attivo anche in Campania. Il Sindacato Italiano Lavoratori dello spettacolo darà accoglienza e supporto

Primo piano

Centometriquadri di arte, le Cromie astrali di Gianluca Sgherri

Maria Beatrice Crisci  – «Cromie» è il titolo della mostra personale di Gianluca Sgherri che si inaugura giovedì 12 settembre alle ore 19 presso la Galleria Centometriquadri Arte Contemporanea di

Comunicati

Eugenio Tescione a Terre Blu, il romanzo di un mansionario

-Sarà presentato sabato 30 ottobre alle 19, presso il centro Terre Blu, in via San Nicola 27 a Caserta, il romanzo di Eugenio Tescione “Il mansionario dell’umanista”.La notte laboriosa di