Distretti agroalimentari, mozzarella di bufala campana al top

Distretti agroalimentari, mozzarella di bufala campana al top

Regina Della Torre

_U1B8162- “I dati di Intesa Sanpaolo sui distretti industriali sono la nuova testimonianza di una crescita senza sosta della mozzarella di bufala campana Dop. Export e tutela sono le chiavi del successo del nostro prodotto. Anche il 2018 è iniziato con i migliori auspici, visto che a gennaio la produzione segna un aumento del 13,5% dopo l’anno record del 2017, che ha visto superare la soglia dei 47 milioni di chili di bufala Dop sulle tavole di tutto il mondo”. Così il direttore del Consorzio di TutelaPier Maria Saccani, commenta lo studio reso noto oggi. “Siamo orgogliosi – aggiunge – di rappresentare la Campania e il Mezzogiorno in una graduatoria che premia la redditività del comparto”.

Il distretto agroalimentare che riunisce le aziende produttrici di mozzarella di bufala dop è l’unico polo campano presente nella Top 20 nazionale. La classifica vede la presenza di tre soli distretti del Sud. I dati sono contenuti nel Rapporto annuale che la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo dedica all’evoluzione economica e finanziaria delle imprese distrettuali. Il rapporto analizza i bilanci aziendali degli anni 2008-16 di quasi 18.000 imprese appartenenti a 153 distretti industriali e di quasi 54.000 imprese non-distrettuali attive negli stessi settori di specializzazione.

You might also like

Spettacolo

Giù le ipocrisie! Dietro la maschera i “corpi nudi”

(Beatrice Crisci) – “Dietro la Maschera” è il nome della compagnia teatrale. Ma è anche molto pertinente al titolo dello spettacolo che il gruppo presenta: “Corpi Nudi”. Sarà in scena

Arte

Renzo Arbore e le sue “Neapolitan Memories” a Palazzo Reale

Mario Caldara – Renzo Arbore, oltre a essere un cantautore e un musicista, è senza dubbio una personalità che ha utilizzato la musica come un veicolo di conoscenza, di espansione

Food

Un sorso di Reggia, ecco la presentazione ufficiale di AmaRè

Maria Beatrice Crisci – Era stato annunciato. Si chiama AmaRè e ha il privilegio di essere il primo liquore realizzato con le erbe del Real Giardino Inglese del Parco della Reggia

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply