A che servono questi quattrini, la pièce al Teatro Garibaldi

A che servono questi quattrini, la pièce al Teatro Garibaldi

Roberta Greco

-Dopo Caserta e Capua, arriva a Santa Maria Capua Vetere il prossimo week end lo spettacolo «A che servono questi quattrini» di Armando Curcio. Appuntamento al Teatro Garibaldi sabato 29 alle ore 21 e domenica 30 gennaio alle 18. La pièce è presentata dal Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, La Pirandelliana con  Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase, Luciano Saltarelli, Chiara Baffi, Fabrizio La Marca. Scene Luigi Ferrigno, costumi Ortensia De Francesco, luci Antonio Molinaro, foto di scena Marco Ghidelli.

Sabato 29 gennaio alle ore 18.30, nell’ambito de “Il Teatro degli Incontri”, la Compagnia sarà ospiti al Salone degli Specchi del Teatro Garibaldi per un incontro con il pubblico, condotto da Mimmo Cice. L’ingresso è gratuito e consentito, secondo le norme sanitarie vigenti, solo ai possessori di green pass.

A che servono questi quattrini è una commedia di grande attualità. Andata in scena per la prima volta nel 1940 al Teatro Quirino di Roma, fu una delle più divertenti commedie che resero celebri i grandi fratelli De Filippo, Eduardo e Peppino. La vicenda ruota intorno al Marchese Parascandolo detto il Professore che per dimostrare le sue teorie socratiche, bizzarre e controcorrente, ordisce un piano comicamente paradossale che svela l’inutilità del possesso del denaro.

L’Italia di lì a poco sarebbe entrata nel conflitto della II Guerra Mondiale e il mondo post-capitalistico dell’alta finanza era di là da venire, ma l’argomento, così esplicitamente indicato nel titolo, stuzzicò la curiosità del pubblico di allora tanto che, pochi anni dopo, nel 1942, la commedia venne trasposta sugli schermi cinematografici per la regia di Esodo Pratelli con Eduardo e Peppino De Filippo protagonisti e con, tra gli altri, Clelia Matania e Paolo Stoppa.

Bolle finanziarie, truffe internazionali, fallimenti di colossi bancari, tassi di interesse sproporzionati, spread e fiducia nei mercati sono “slogan” e ridondanti informazioni ampliamente invasive cui ci siamo abituati e che, per la maggior parte di noi, indicano situazioni fumose e di oscura interpretazione. Foto di Giuseppe Sorbo

Info 0823799612

About author

Roberta Greco
Roberta Greco 43 posts

Roberta Greco - Avvocato, ha studiato Giurisprudenza presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, conseguendo la laurea con 110 e lode. Ha studiato presso il liceo scientifico A. Diaz di Caserta. Ha conseguito la certificazione di inglese (C1) ESB e di spagnolo (B2) presso l'Università di Almeria. Attualmente svolge la professione di avvocato ed è consigliere comunale presso il Comune di Caserta. Ha un grande interesse per la politica, il mondo della moda e le altre culture.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Abitare i linguaggi, mostra al Buonarroti per Andrea Sparaco

Claudio Sacco -Si apre domani l’ultima settima del progetto “Esserci per cambiare il nostro quartiere: a scuola sapori e saperi”. Due gli eventi in programma. Infatti, martedì 12 ottobre al Museo Michelangelo una conferenza

Lo zafferano, prezioso in cucina ma anche per la salute

Maria Beatrice Crisci – In Terra di Lavoro ormai da otto anni si produce lo zafferano. Una spezia preziosa in cucina ma anche per la salute. Intervista al professore Augusto

Benvenuti in Campania! Al Molo Luise il murale di Ciambrone

Maria Beatrice Crisci – L’artista di Castel Volturno Alessandro Ciambrone ha realizzato 200 metri quadrati di galleria d’arte sul mare al Molo Luise di Napoli. L’idea è quella di valorizzare

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply