A Natale è d’obbligo il capitone, mangiarlo fa scacciare il male

A Natale è d’obbligo il capitone, mangiarlo fa scacciare il male

Luigi Fusco

– Il tradizionale cenone della vigilia di Natale è un vero e proprio rituale e ogni sua portata ha una storia e un significato ben precisi, le cui radici sono antichissime. Oltre ciò, qualsiasi prelibatezza presentata a tavola ha una forte valenza simbolica, la cui natura tende a essere augurale e ad avere una funzione apotropaica. Tre sono gli aspetti fondamentali che definiscono la chiave di lettura del convivio serale del 24 dicembre: l’attesa, il tempo e la luce. Durante la vigilia ogni cosa si ferma, assume una connotazione infera; lo spazio della cena e delle persone che la condividono viene cristallizzato in un’apposita dimensione temporale, poiché lo scambio del cibo diventa una sorta di rito di passaggio e ogni cosa deve essere purificata per esser assurta a nuova luce. Pertanto, la scelta delle pietanze deve essere oculata, in quanto alcune di esse potrebbero esser state contaminate da entità maligne.

Al riguardo, sin dall’età pre-cristiana, era credenza comune che la carne fosse, appunto, veicolo di contagio del male e già nel corso delle celebrazioni in onore del Sol Invictus si era soliti consumare del pesce. Proveniente dall’acqua, ritenuta simbolo sia di vita che di morte, la fauna ittica veniva considerata pura per le sue carni bianche; la sua consumazione era legata ai momenti di austerità. Con il passar dei secoli, inoltre, la preparazione del pesce è divenuta sempre più articolata, grazie all’impiego di speciali metodi di cottura o di singolari combinazioni di ingredienti, divenendo, infine, una pietanza ricca e oltremodo gustosa.

In ambito campano, al pesce, a partire dalle epoche più remote, è stato spesso riservato il posto d’onore in seno alle vivande previste nelle diete alimentari delle festività. Le connotazioni cultuali di quest’ultimo aspetto sono da individuare nella cultura eno-gastronomica di età greco-romana.

Tutto il cenone della vigilia è incentrato sul consumo del pesce: dai frutti di mare al baccalà; fra tutte le portate attese vi è quella del capitone. Appartenente al genere dei pesci ossei e alla famiglia anguilliade, è in realtà la femmina dell’anguilla; più lungo e più grosso nelle dimensioni, il capitone è un essere ambivalente, che racchiude in sé entrambi i generi sessuali; il suo nome è difatti un sostantivo maschile che indica un animale femminile. In una società, come quella campana, di derivazione ctonia, i rimandi e le allusioni a questa doppia natura sono tuttora più che frequenti.

Nella notte di Natale il capitone diventa una sorta di metafora del tempo e viene fatto a pezzi per esser ingerito e poi rigenerato; le sue fattezze, infine, ricordano quelle del serpente che tentò Eva e mangiarlo significa scacciare il male, ma anche dar vita a un gesto di buon auspicio per il prosieguo delle festività e per l’anno nuovo che verrà.  

Luigi Fusco Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6904 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Serenata al CTS di Caserta, Capodanno con Gino Accardo

(Enzo Battarra) – Musica a Capodanno. È quanto propone il Piccolo di Caserta, il CTS di via Louis Pasteur. in zona Centurano. Domenica primo gennaio alle ore 19 il nuovo

Primo piano

Pandemia. Confesercenti, imprese in piazza anche a Caserta

Maria Beatrice Crisci -Anche a Caserta ieri tutte le categorie del commercio aderenti a Confesercenti sono scese in piazza. Attraverso i loro rappresentanti, hanno chiesto al Governo “di riaprire subito

Arte

La fotografia va in stazione, mostra di De Massimi ad Afragola

Maria Beatrice Crisci – L’arte ha imparato a incontrare il pubblico nelle zone di transito, fuori dai luoghi un tempo deputati. Uno splendido esempio sono le stazioni metro di Napoli.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply