Caserta, bombardamento di 79 anni fa. Il ricordo in Cattedrale

Caserta, bombardamento di 79 anni fa. Il ricordo in Cattedrale

Emanuele Ventriglia

– Si è rinnovato stamattina nella chiesa cattedrale di Caserta il momento di preghiera in memoria delle 300 vittime dell’incursione aerea americana sulla città del 27 agosto 1943, replicata il 16-17 settembre con ulteriore drammatico bilancio di morti, feriti e rovine. Una delle pagine più buie durante la seconda guerra mondiale. Al momento di ricordo voluto da Alberto Zaza d’Aulisio, presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, anche il parroco don Enzo De Caprio e l’assessore alla Cultura del Comune di Caserta Enzo Battarra. Presente Umberto Vitrone, sopravvissuto e testimone oculare del bombardamento che colpì Caserta. Il presidente Zaza ha ricordato: «Tra gli edifici maggiormente colpiti, oltre alla Reggia, alla Caserma Pollio e alla stazione ferroviaria, una consistente ala della Cattedrale. Dal 2009 la Società di Storia Patria, in sinergia con la Curia diocesana, propone alla collettività il ricordo di quelle drammatiche pagine di storia affinché valga di monito per l’avvenire». Dieci i rintocchi a martello scanditi dal campanile alle 12, orario collimante con l’allarme aereo di 79 anni fa. Quindi, la visita dell’area retrostante l’altare di San Michele Arcangelo distrutta dalle bombe e ricostruita a impulso di monsignor Pietro Giuseppe Gagnor, amministratore apostolico della diocesi dal 1943 al 1946. A margine, la parole dell’assessore alla Cultura Enzo Battarra: “A nome del sindaco Carlo Marino e dell’intera Amministrazione ringrazio la Società di Storia Patria di Terra di Lavoro e il suo presidente Alberto Zaza D’Aulisio che da anni organizzano questo doveroso ricordo. Nel 2023 saranno trascorsi 80 anni da quell’infausto evento ed è giusto che si organizzi una celebrazione ancor più densa di contenuti. La storia di una città è fatta anche di momenti tragici dai quali con dolore si è dovuta risollevare. E la memoria di quei giorni drammatici serve anche a ribadire, oggi più che mai, il ripudio di tutte le guerre e la necessità della pace tra i popoli. Da ex giannoniano, poi, ho sempre vissuto l’anniversario con un grande coinvolgimento, essendo stato proprio il Liceo Giannone uno dei tanti edifici distrutti nell’attacco. In quel raid aereo morì anche uno degli studenti del quarto ginnasio, Aldo Taglianetti. Una delle trecento vittime innocenti di quel giorno”.

About author

emanuele ventriglia
emanuele ventriglia 116 posts

Emanuele Ventriglia - Musicista e cantautore, studia la chitarra e canta fin da bambino. Iscritto alla facoltà di Lettere Moderne dell'Università Vanvitelli, ama l’arte e la creatività in tutte le loro forme. Oltre al portare avanti il suo progetto musicale, ha avviato un percorso di formazione di Marketing e Comunicazione.

You might also like

Attualità 0 Comments

Caserta, il DermoDay dell’Ospedale una vera vittoria di gruppo

Maria Beatrice Crisci – Il 16 giugno il primo DermoDay dell’Azienda ospedaliera di Caserta “Sant’Anna e San Sebastiano”. A distanza di poco più di un mese l’atteso bis, già ipotizzato da Ondawebtv.

Cultura 0 Comments

Nostos. L’Odissea entra nella casa circondariale di Arienzo

Claudio Sacco – Si ispira al tema dell’Odissea il progetto “Nostos” messo in atto dall’Associazione Athena presso la Casa Circondariale di Arienzo. «Nell’opera omerica Nostos significa “ritorno a casa”, e

Generici 0 Comments

Ecco Steart, è lui che su instagram sta simpsonizzando le star

Pietro Battarra – Sta “simpsonizzando” il mondo delle celebrità. E sta anche avendo un gran successo su instagram con trecentotrentamila follower che seguono i suoi post quotidiani. Stefano Monda, in

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply