Ciambriello (garante detenuti) a Carinola: teatro è riflessione

Ciambriello (garante detenuti) a Carinola: teatro è riflessione

– Il Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Samuele Ciambriello oggi si è recato in visita alla Casa di Reclusione di Carinola. Durante la mattinata, ha assistito a una rappresentazione teatrale, tenutasi all’ interno del penitenziario, organizzata dalla Compagnia amatoriale napoletana “Terapia d’urto” con la regia di Tiziana Laltrelli.
Varie le tematiche abilmente portate in scena, tra cui la famiglia, l’amore, l’avidità, la diversità e il pentimento di un uomo e il suo desiderio di ritornare sui propri passi.
«Queste lodevoli iniziative offrono sicuramente un’occasione di riflessione, di meditazione per ciascuno di noi e soprattutto per coloro che, in quanto ristrettì, non devono mai abbandonare l’idea e la fattività di una ripartenza diversa da quella originaria. Dopo il verbo amare, il verbo ricominciare, ripartire, è fondamentale», così dichiara il garante Ciambriello a termine della manifestazione teatrale.
La Casa di Reclusione di Carinola ospita attualmente 380 detenuti e, fortunatamente, nessuno di loro è affetto da COVID.
Il garante ha effettuato diversi colloqui con i ristrettì medesimi. È rimasto, peraltro, a pranzo nella struttura carceraria e ha avuto modo di rilevare che, a tutt’ oggi, è in atto un’astensione del personale di Polizia penitenziaria dalla Mensa Obbligatoria di servizio. «Una forma di protesta per la grave carenza di personale; sono, infatti, attualmente in servizio 156 unità, mentre dovrebbero essere impiegate, in base a quanto rilevato dall’ultima commissione, che si è occupata della revisione delle piante organiche, 290 unità. È auspicabile, quindi, per la funzionalità della struttura, che i competenti uffici operino le necessarie verifiche e adottino i conseguenti provvedimenti, prima che accadono fatti incresciosi o eccezionali», così, all’uscita del carcere, dopo la visita, Samuele Ciambriello, garante campano dei detenuti.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7931 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

San Silvestro, La Mansarda racconta un Bosco di Storie

Domenica 2 ottobre, con inizio alle ore 11, in occasione dell’ultima giornata di ingresso gratuito nell’Oasi casertana del Bosco di San Silvestro per il cinquantesimo anniversario del WWF Italia, verrà

Primo piano 0 Comments

Rezzuti e Scolavino, un concerto d’arte tra Napoli e Capri

Al MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, sabato 29 ottobre alle ore 11.30 e alla Certosa di San Giacomo a Capri sabato 10 dicembre alle ore 11.30 si inaugura la mostra

Primo piano 0 Comments

San Prisco, Diana vien di notte e fa tappa sotto il Tifata

Oggi domenica 23 ottobre la prima edizione della manifestazione “La Notte di Diana – Cultura e tradizione alle pendici del Tifata”, co-finanziata dal “Poc Campania 2014-2020. Rigenerazione urbana, politiche per il

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply