Coro Polifonico nuovo Teatro Izzo, il 23 dicembre il primo evento

Coro Polifonico nuovo Teatro Izzo, il 23 dicembre il primo evento

Comunicato stampa – Una nuova realtà musicale e vocale si affaccia nel panorama culturale di Caserta ovvero il Coro Polifonico del nuovo Teatro Izzo. Il coro nasce a settembre dì quest’anno grazie alla volontà di Don Antonello Giannotti da giugno nuovo parroco della Chiesa Nostra Signora di Lourdes nel quartiere Acquaviva di Caserta, che oltre alle innumerevoli iniziative volte al rilancio del quartiere, con un fine pastorale e missionario, avvia la ristrutturazione del Teatro Izzo. Un teatro che si rispetti però ha bisogno di un coro polifonico che lo rappresenti. Ecco che allora grazie alla collaborazione del tenore Salvatore Basile in qualità di organizzatore del coro, del pianista maestro Tiziano Bellocchio e del noto maestro Franco Damiano Direttore del coro e d’orchestra nonché Direttore della “Nuova Accademia Toscanini” di Caserta, nel mese di ottobre si sono svolte le prove di ammissione al coro che hanno visto la partecipazione di innumerevoli candidati.
Attualmente sono ancora aperte le iscrizioni gratuite al coro previa selezione canora dei candidati.
La formazione del Coro del Teatro Izzo, conta attualmente 51 elementi, divisi tra le varie sezioni canore.
Il nascente gruppo, avrà il suo battesimo artistico con il “Concerto di Natale “ giorno 23 dicembre 2023 alle ore 19:00 presso la Chiesa N.S.di Lourdes -Caserta-

About author

You might also like

Primo piano

Caserta eccellenza della Campania. Questo l’obbiettivo del neosindaco Marino

“Voglio fare di Caserta una eccellenza della Campania”.  Questo il primo messaggio che ha lanciato il neo sindaco di Caserta Carlo Marino nella sua prima conferenza stampa tenuta stamattina in

Comunicati

Goccia a Goccia, sociale e musica online a RadioPrimaRete

-Musica come allegra medicina per alleviare le ansie di questo folle presente, ma anche le continue iniziative a favore del popolo ucraino. Questi i temi della puntata odierna di Goccia

Cultura

Serve un tutor o un tutorial? L’Università Parhenope risponde

Claudia Mignola* – Sentiamo spesso il termine “tutor” utilizzato in ambito scolastico e universitario, mentre diventa sempre più comune la pratica di cercare e seguire “tutorial” per realizzare lavori con