Da San Nicola a Babbo Natale, il buon uomo dalla lunga barba

Da San Nicola a Babbo Natale, il buon uomo dalla lunga barba

Tiziana Barrella -Il mese di dicembre è ricchissimo di date particolarmente sentite e festeggiate in tutto il mondo antico e moderno. Già in epoca romana e precristiana, il popolo, in previsione dell’inverno incombente,  decideva di seguire dei rituali di purificazione e dei digiuni  (la quarta tempora). Fra le ricorrenze dicembrine si festeggiavano i  Brumalia, (da Brauma, i giorni più corti dell’anno) e i Saturnali, in onore del dio Saturno, quest’ultimo, custode delle ricchezze di Roma e divinità  esiliata dall’Olimpo, spesso viene associata nelle culture pagane al santo che si festeggia il 6 dicembre: San Nicola. Vescovo di Myra, antica città ellenica oggi situata nell’attuale Turchia meridionale, venne decapitato dall’imperatore Diocleziano agli inizi del IV secolo d.C.; oggi San Nicola è ricordato non solo per il suo martirio, ma piuttosto per un episodio leggendario: la vicenda dei tre pomi d’oro. Donati a tre giovani e poverissime fanciulle il cui padre, disperato, privo di lavoro e vedovo aveva deciso di concedere per danaro, i pomi d’oro furono l’oggetto del loro riscatto e della loro castità. Ben presto per rammentare con letizia l’evento, i pomi furono trasformati in dolci da offrire ai bambini in occasione della festa del santo che, prima dell’introduzione del calendario gregoriano, cadeva il giorno 16 dicembre.

San Nicola è noto anche per un prodigioso e taumaturgico miracolo; sembra proprio che dalla sua tomba uscisse dell’olio prodigioso in grado di curare ogni forma di malattia. Oggi, è un santo acclamato e venerato; la basilica di San Nicola di Bari monumento in stile romanico e che contiene le sue spoglie mortali arrivate in Puglia  in un modo piuttosto articolato, è meta di numerosi pellegrinaggi.

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 101 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Cultura

Il Carnevale a Capua, a spasso in città con Lucilla e Pulcinella

Luigi Fusco –Una passeggiata con Lucilla e Pulcinella, nei luoghi della commedia di Silvio Fiorillo. È il titolo della manifestazione a cura del Touring Club/Aperti per Voi di Capua prevista

Cultura

Su il sipario! Si presenta la nuova stagione teatrale a Caserta

Luigi D’Ambra – Si conoscerà domani il programma della nuova stagione teatrale 2016/17 del teatro Costantino Parravano di Caserta. Infatti, è in programma per le ore 12 la conferenza stampa di

Primo piano

Ospedale Caserta, uno striscione per tutti i sanitari

Maria Beatrice Crisci – Uno striscione di incoraggiamento con un arcobaleno e la scritta #noicelafaremo è stata posta stamattina all’ingresso principale dell’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. L’iniziativa annunciata