Da San Nicola a Babbo Natale, il buon uomo dalla lunga barba

Da San Nicola a Babbo Natale, il buon uomo dalla lunga barba

Luigi Fusco

– Il 6 dicembre è la data del dies natalis di Nicola di Myra, tra i santi più venerati nel Mezzogiorno d’Italia, ma anche nel resto del mondo. La sua è una ricorrenza, che cade in tempo di Avvento, e in alcuni Paesi, soprattutto dell’est Europa, è correlata alla consegna dei doni ai bambini. Questa tradizione, non a caso, accomuna le figure di San Nicola e di Babbo Natale. Tra loro, difatti, ricorre una stretta somiglianza iconografica, messa in risalto specialmente dalla presenza in entrambe della lunga barba bianca; inoltre, i nomi Santa Claus, Samiklaus o Sinterclaus, attribuiti a Babbo Natale, derivano da San Nicola.

Secondo la tradizione agiografica, Nicola è vissuto tra il III e il IV secolo dC. Originario della regione della Licia, odierna Turchia, partecipò, in qualità di vescovo, al primo Concilio di Nicea, nel 325, in cui venne stabilita la vera natura di Cristo. Sin da piccolo aveva manifestato segni di santità e a lui sono attribuiti eventi miracolosi che hanno a che fare con i bambini: resuscitò tre fanciulli da morte certa e donò una dote a tre giovinette così da poter maritarsi e non intraprendere la strada della prostituzione.

Il suo culto in Italia cominciò a diffondersi in età medievale, soprattutto a Venezia e a Bari, dove vi arrivarono, entro il primo decennio dell’anno Mille, alcune sue reliquie, recuperate, in due distinti momenti, sia dai cavalieri baresi sia da quelli veneti.

Particolarmente venerato è questo santo dagli abitanti dell’omonimo comune in provincia di Caserta. Nella locale chiesa di Santa Maria degli Angeli, straordinario gioiello di architettura settecentesca di matrice vanvitelliana, si conserva il monumentale simulacro del vescovo turco che viene portato in processione per le strade della città il martedì in albis. A San Nicola è, però, tributato un altro antico rito: ‘a lummenera ‘e Santu Nicola. Trattasi di un falò propiziatorio, il cui allestimento avviene alla vigilia della ricorrenza del Santo. Il cerimoniale è tutto incentrato sulla forza evocatrice della luce, del bagliore del fuoco che squarcia l’oscurità infera del mese di dicembre e restituisce calore all’uomo con la speranza che la terra possa dare nuovi frutti con il prossimo raccolto. Sin dalle epoche più remote, i sannicolesi sono soliti raccogliersi attorno a questa grande pira e accompagnati da tammorre e tamburelli recitano i seguenti versi: Suonno si viene, viene alla buon’ora all’ora ca’ nasceva Santu Nicola; una vera e propria litania che sembra evocare quelle cantate ai bambini la notte di Natale per farli addormentare nella dolce attesa dei doni portati da Santa Claus.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7013 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Al Museo Madre il maestro della fotografia Mimmo Jodice

(Mario Caldara) – Dopo la mostra fotografica del maestro Henri Cartier-Bresson (al PAN fino al 28 luglio), è la volta di un altro maestro indiscusso della fotografia, dalle radici napoletane

Primo piano

Osservatorio per le povertà Mario Diana. Aperta la sede a Casagiove

“Il vostro impegno ha un significato importante che rispecchia in pieno la missione di Gesù: guardare nell’altro il volto stesso del Padre. Non è un compito facile ma un’opera che

Arte

Napoli. Un murales di Jorit per il progetto Codici a Barra

Claudio Sacco – Nel quartiere Barra di Napoli è per domani, venerdì 10 gennaio, alle ore 12 la cerimonia d’inaugurazione del murales realizzato dallo street artist Jorit Agoch sulla facciata

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply