Economia circolare all’Officina Vanvitelli, dai rifiuti ai tessuti

Economia circolare all’Officina Vanvitelli, dai rifiuti ai tessuti

Luigi Fusco

Herewear/From Farm to Clothes è il titolo dell’event/workshop in programma venerdì 29 aprile, dalle 9.00 alle 17.00, presso l’Officina Vanvitelli a San Leucio di Caserta. Sperimentazione di tessili da economie circolari prodotti localmente a base di rifiuti organici. É questo l’asse portante del progetto europeo Herewear, finanziato dalla Comunità Europea e promosso da Officina Vanvitelli: hub del Dipartimento di Architettura e di Disegno Industriale dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”. L’iniziativa è a cura di Maria Antonietta Sbordone, Docente dei Laboratori Fashion Eco-Design II e Textile Design, e di Jesse Marsh, partner principale del CEDECS-TCBL/ Consulenza per lo sviluppo europeo dell’imprenditoria ecologica, civica e sociale-Laboratori per aziende tessili e di abbigliamento e del progetto Herewear. Interverranno, all’evento, portando i saluti istituzionali il Rettore dell’Università degli Studi della Campania Giovanni Gianfranco Nicoletti, l’assessore alla Cultura del Comune di Caserta Enzo Battarra, il Direttore del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale di Aversa Ornella Zerlenga e il Presidente del Corso di Laurea Magistrale Design per l’Innovazione Patrizia Ranzo.

Nel corso del workshop verrà lanciata una delle prime partnership di collaborazione con il Textile Lab del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale. Il Textile Lab, per l’occasione, allestirà una mostra delle sperimentazioni tessili bio-basate realizzate presso il laboratorio. Vi saranno, inoltre, le presentazioni del progetto e delle attività Herewear e gli interventi del governo regionale e dei principali stakeholder. Nel pomeriggio si terrà una mappatura interattiva degli stakeholder locali, in particolare dei GAL (Gruppi di Azione Locale) e dei Gruppi Operativi (PEI AGRI) e si discuterà della catena del valore circolare per i tessuti e l’abbigliamento bio-basati. La Comunità Herewear è formata da stakeholder impegnati in attività di progetto destinate a creare nuove economie circolari e resilienti.  From Farm to Clothes promuove, invece, lo sviluppo di tessuti bio-based da biomasse agricole, algali e forestali, tramite la creazione di una rete territoriale fondata sulla capacità di costruire processi innovativi e progetti di sviluppo locale. Raccoglie le sfide della moda sostenibile attingendo dagli ambiti del design e della creatività, nella distribuzione dei co-benefici per un sistema circolare open-loop.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 669 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Franco Pepe e Airc, nasce il Progetto Pizza Mediterranea

-Sarà presentato lunedì 20 dicembre alle 11,30 il progetto Pizza Mediterranea. L’iniziativa si terrà presso la Fondazione Salvatore – Spazio NAPHUB (Viale Gramsci 4). Il progetto, sviluppato dallo chef Franco Pepe in collaborazione con la

Primo piano 0 Comments

Napoli Teatro Festival Italia. In scena Les Italiens al Trianon

Pietro Battarra  – Ultimo appuntamento della sezione Internazionale del Napoli Teatro Festival Italia 2019, con Les Italiens, progetto dello svizzero Massimo Furlan, con la drammaturgia di Claire De Ribaupierre, che vede

Primo piano 0 Comments

Casertavecchia, il Sacro e il Profano firmati Gianni Genovese

Maria Beatrice Crisci  – «L’intenzione è quella di dare spazio ai giovani del territorio e farli crescere professionalmente». Così Gianni Genovese ideatore della rassegna «L’arte del Sacro e del Profano.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply