“Grido di Pace”, corteo e flash mob degli Scout di Capua

“Grido di Pace”, corteo e flash mob degli Scout di Capua

Luigi Fusco

-Gli Scout di Capua si mobilitano in favore della pace in Ucraina con un importante evento che si svolgerà sabato 19 marzo.  Sin dallo scoppio del conflitto tra russi e ucraini, la Chiesa di Capua, i suoi animatori e i suoi fedeli, si è attivata attraverso la pratica di opere di solidarietà, di carità e di sostegno in favore delle popolazioni ucraine, prestando, inoltre, una fattiva collaborazione alla comunità religiosa di rito bizantino presente in città e ubicata presso la chiesa di San Marcello. 

Questa volta sarà, invece, protagonista l’intero gruppo scout capuano con la manifestazione intitolata “Grido di Pace”, volta ad affermare i principi di fratellanza e di amore, valori che in questo particolare momento storico sono indispensabili all’affermazione del processo di distensione tra l’Ucraina e la Russia, le cui vicende belliche stanno portando alla distruzione di numerosi centri urbani e alla morte di centinaia di persone.

Gli stessi scout già da giorni sono attivi attraverso un continuo “tam tam” di promozione dell’evento che si sta ripercuotendo in maniera mediatica tramite le loro pagine social ed altri importanti social network dedicati alla città di Capua, invitando, nel contempo, la popolazione a prender parte al corteo. Alle 18.30 i partecipanti si raduneranno in Piazza Medaglie d’Oro, in prossimità del Castello delle Pietre, per poi partire e raggiungere il cuore del centro storico di Capua: la Piazza dei Giudici. Una volta giunti ci sarà il Flash Mob “Grido di Pace”, un vero e proprio urlo rivolto al cielo sottoforma di preghiera affinché si concluda la guerra e si affermino nuovi ideali di pace e di solidarietà tra i popoli e le nazioni.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1065 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Moni Ovadia, un cabaret yiddish con un gusto “asprinio”

(Maria Beatrice Crisci) – “Cabaret yiddish”: questo il titolo dello spettacolo che Moni Ovadia ha portato in scena al Teatro Comunale di Caserta lunedì sera. Autore, attore e regista impegnato

Comunicati

Culture Break, nel salotto virtuale si parlerà anche di libri

Culture Break: Un salotto virtuale per sensibilizzare i giovani e crescere insieme, l’idea è nata tra la prima e la seconda ondata di Covid per accorciare le distanze e favorire

Attualità

Te Deum, 31 dicembre. Il ringraziamento diviene un augurio

Luigi Fusco -Tradizionale appuntamento del «Te Deum» di fine Anno del Vescovo di Caserta, monsignor Pietro Lagnese. Il vescovo terrà il suo «Discorso alla Città» nei primi Vespri della Solennità