Il presepe piace a tutti, non è Natale senza grotta e i pastori

Il presepe piace a tutti, non è Natale senza grotta e i pastori

Tiziana Barrella (ph Gabriella Salomone)

– Una delle festività più sentite al mondo insieme al Capodanno è il tanto atteso 25 dicembre, giorno in cui si ricorda la nascita di Gesù, come da tradizione cattolico romana. Non tutti però festeggiano ugualmente e nello stesso giorno; al di là delle diverse tradizioni culturali, usanze gastronomiche e ritualistiche – che variano a seconda dei luoghi –  per i Cristiani Ortodossi il Natale si celebra con ben 13 giorni di differenza ovverossia il 7 gennaio, ed è davvero tutta una questione di calendario! La maggior parte delle chiese ortodosse infatti, utilizza un calendario diverso da quello Gregoriano, istituito solo nel 1582 da papa Gregorio XIII con la bolla papale  Inter Gravissimas, che modificò quello in voga fin dal 45 a.C. il vecchio calendario solare Giuliano promulgato da Giulio Cesare.  Il calendario liturgico ortodosso, ancora oggi viene utilizzato in molti paesi e solo alcuni di essi  (la Grecia ad esempio) hanno preferito uniformare la tradizione ed utilizzare, almeno per il Natale, la data a noi tutti ben nota. 

La rappresentazione artistica del racconto evangelico trova una sua straordinaria espressione nell’arte presepiale. In Campania tradizione e  innovazione si fondono grazie al laborioso operato di botteghe artigiane che operano tutto l’anno sul territorio. In particolare a Napoli esiste una zona del centro storico molto nota,  dove il connubio perfetto tra storia, misticismo, amore per le antiche arti e per la modernità si fonde sapientemente: San Gregorio Armeno, luogo chiamato così in memoria del Santo proveniente dall’Armenia – venerato anche dalla chiesa copta e ortodossa –  e di cui è custodito il cranio nella omonima chiesa. La santa reliquia, perfettamente conservata in uno scrigno d’argento di maestria napoletana, si trova oggi custodita in un edificio storico definito come un vero e proprio gioiello artistico del barocco e sorgente su un antico tempio dedicato alla dea Cerere.  

L’insieme di famosissime stradine – meta turistica d’eccellenza nonché sede preziosa di set cinematografici – vede la presenza di molte botteghe artigiane aperte tutto l’anno ed intente a lavorare, con la tramandata tradizione di famiglia, per realizzare icone sacre, pastori e personaggi noti, incontestabili emblemi della straordinaria arte napoletana, come statuine di De Filippo, Totò, Maradona, Pino Daniele e molti altri. 

Il primo presepe napoletano pare attribuirsi tradizionalmente a Martino De Simone De Jadena, che su commissione nel 1458, realizzò le sacre statuine simboleggianti la natività. In realtà l’usanza  di raffigurare i sacri antenati a cui rivolgere le proprie preghiere e con cui condividere le proprie quotidiane problematiche,  non è nuova e si fa risalire ad epoche più lontane nel tempo: i Romani e prima ancora di essi gli Etruschi, infatti avevano l’usanza pagana di adornare le nicchie presenti in ogni casa con “ i Lari”, figure simboleggianti gli spiriti protettivi degli antenati. 

Ma l’arte presepiale  sbocciò in tutto il suo splendore nel ‘700 borbonico napoletano grazie alla enorme passione del sovrano dell’epoca. Il suo gradimento per il presepe –  che può apprezzarsi ancora oggi grazie all’allestimento permanente presente presso la Reggia di Caserta – fece nascere una tradizione nei nobili del tempo: ingaggiare abili artisti per la realizzazione di presepi che potessero essere graditi al re! Oggi San Gregorio Armeno, ubicato fra il Decumano Inferiore – Spaccanapoli-  e Piazza San Gaetano – l’antica Agorà Greca, la piazza principale della città,   diventa la vetrina affascinante e permanente di vere e proprie opere d’arte che a Natale si arricchisce di luci e profumi che riportano la mente e soprattutto l’animo,  in una gioiosa atmosfera di festa e tradizioni, insomma,  impossibile non visitarla ed acquistare almeno un’opera d’arte da esporre con orgoglio nelle proprie case!

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 13 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Attualità 0 Comments

A Napoli la rivincita De Magistris-Lettieri

(Samuele Ciambriello)    Napoli ancora arancione, Roma rosa con il mov5stelle e Milano che combatta il centrodestra: Matteo Renzi non sta sereno! Napoli tradisce sia Valente che Renzi. De Magistris-Lettieri,

Cultura 0 Comments

Un cielo pieno di stelle. All’Acquedotto Carolino una serata astronomica

La Reggia di Caserta in collaborazione con la Pro Loco “Valle”, con L’APLI – Associazione Pro Loco Italiane e l’AstroUMAC – Unione Maddalonese Amici del Cielo organizzano la serata di

Primo piano 0 Comments

Centro Fernandes avamposto di legalità, ecco il dono delle Acli

– Le Acli di Caserta, in collaborazione con Acli Terra Caserta, hanno donato prodotti di generi alimentari al Centro Fernandes di Castel Volturno. Il Centro è una struttura di prima accoglienza per

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply