JoeBasco, sulle ali della musica, da Casapesenna a Londra

JoeBasco, sulle ali della musica, da Casapesenna a Londra

Terra di Lavoro continua ad esprimere talenti artistici in vari settori: un apprezzato cantautore di Casapesenna si sta facendo strada nel panorama musicale nazionale, dopo diverse esperienze internazionali.

Il 26 novembre esce su tutte le piattaforme digitali(Spotify, Apple Music, YouTube)il nuovo singolo di JoeBasco, dal titolo “Senza me”, prodotto da Igor Tonso (IFLY). Il brano, scritto dallo stesso JoeBasco, racconta una relazione tossica, dove uno dei due investe di più, pur di solidificare il rapporto sentimentale. Con il tempo la relazione diventa un’abitudine, quindi si perde la voglia di amare e credere in un progetto futuro. 

“È stato un lavoro abbastanza duro da portare a termine”, spiega l’autore casertano, “perché volevo usare parole semplici e far arrivare il concetto in maniera molto chiara”

Giuseppe Basco, classe 96, in arte JoeBasco, nasce e cresce a Caserta. Appassionato di musica, all’età di 12 anni inizia a studiare canto e partecipa ai primi concorsi. Scrive il suo primo testo all’età di 17 anni. 

Dopo la maturità studia songwriting a Londra alla BIMM London. Registra i suoi primi singoli in inglese agli Abbey Road Studios, pubblicandoli da indipendente raggiungendo più di 15.000 streams su Spotify. Nel novembre del 2019 JoeBasco si trasferisce a Milano, dove continua un progetto musicale iniziato l’anno precedente. 

Giuseppe Basco, in arte JoeBasco, fin da piccolo è sempre stato nell’ambito dell’arte: il padre è un ex ballerino e la mamma ha sempre avuto una passione per il canto. Dai genitori è stato influenzato del panorama musicale italiano; il padre gli faceva ascoltare Adriano Celentano, Lucio Battisti, Massimo Ranieri.

Da sempre appassionato di musica pop, cercava di emulare i cantanti americani, così dentro di lui cresceva il sogno americano.

JoeBasco mostra da subito una spiccata predisposizione alla creatività sopratutto dal punto di vista musicale; da adolescente creava eventi nel garage di casa invitando tutto il vicinato. Inizia prima con la danza seguendo le orme del padre, ma la passione per il canto diventava sempre più grande e allora inizia a prendere lezioni. 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9731 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Generici

Premio Bianca d’Aponte, la presentazione in videoconferenza

Claudio Sacco -E’ per domani 6 ottobre la presentazione della sedicesima edizione del Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa. L’appuntamento è per le 11,30 in videoconferenza, in diretta, sulla pagina

Generici

Disabilità. Culture break, l’ospite online è Luca Trapanese

Claudio Sacco -Sabato 24 aprile alle ore 16 ci sarà il sesto appuntamento con Culture Break, il format ideato da Aniello Di Santillo e Donata Chianese. Uno spazio virtuale per

Primo piano

Real Sito di Carditello. Le api a controllo dell’ambiente

(Claudio Sacco) – Le api in difesa dell’ambiente e in particolare del territorio intorno alla Reggia di Carditello. E’ stata infatti inaugurata la centralina di biomonitoraggio per il controllo della