Le Mosche, Napoli alla Mostra del cinema di Venezia

Le Mosche, Napoli alla Mostra del cinema di Venezia

Open Mind Film concorre alla 35° Settimana Internazionale della Critica di Venezia (SIC) con il cortometraggio “Le Mosche”, per la regia di Edgardo Pistone. La società di produzione cinematografica, guidata da Sergio Panariello e Luca Zingone, presenta infatti l’unica opera “made in Naples” nella sezione Short Italian Cinema, rappresentando dunque la città partenopea nella prestigiosa rassegna cinematografica internazionale in calendario dal 2 al 12 Settembre prossimi. “Le mosche” è un poetico racconto in bianco e nero che narra in 15 minuti le vicissitudini e le avventure di un gruppo di ragazzi, abbandonati a sé stessi mentre la vita, placida e sonnacchiosa (almeno in apparenza…), scorre indisturbata. In balia dei demoni della crescita, della loro fantasia e della loro tracotanza, i ragazzi (così come le mosche, animali fastidiosi che disegnano traiettorie inutili ed eleganti ronzando per ‘vocazione’ dal marciume alla seta) si trascineranno verso un epilogo tragico e irreparabile. “Le Mosche”, prodotto dalla società di produzione cinematografica Open Mind Film in collaborazione con la scuola di formazione cinematografica Napoli Film Academy, è uno dei frutti di un laboratorio di scrittura e regia del progetto Atti_V_Azione finanziato dall’Assessorato alle Politiche Sociali per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Napoli e realizzato in ATI in collaborazione con l’Associazione Quartieri Spagnoli Onlus, la Cooperativa Sociale Assistenza e Territorio, Associazione Trerrote. I ragazzi coinvolti, fra i 14 e i 18 anni, hanno sviluppato numerose idee relative al film e hanno preso parte a tutte le fasi di creazione del cortometraggio, partendo da laboratori tecnici del campo cinematografico fino al vero e proprio coinvolgimento sul set, vivendone l’esperienza diretta e seguendo i diversi professionisti coinvolti. “Il nostro lavoro è stato in parte autobiografico, work in progress – spiega il regista Edgardo Pistone – perché rispetto alla sceneggiatura originale abbiamo aggiunto idee e suggestioni con i ragazzi direttamente sul set, durante la lavorazione. La chiave di lettura del film è quella di partire da un dato sociale e politico per arrivare a un livello poetico. I ragazzi non riescono a entrare in contatto con la realtà circostante e quindi i sentimenti che muovono i protagonisti finiscono con l’essere la noia e la malinconia. Abbiamo messo a confronto la spensieratezza e l’ingenuità dei ragazzi con i drammi della realtà che li circonda.” La Settimana Internazionale della Critica (SIC) è una sezione autonoma e parallela organizzata dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia. A partire dal 2016, la Settimana della Critica presenta SIC@SIC (Short Italian Cinema @ Settimana Internazionale della Critica), selezione competitiva di sette cortometraggi di autori italiani, tutti presentati in prima mondiale. Il programma nasce dalla sinergia fra SNCCI e Istituto Luce-Cinecittà. “Partecipare in concorso alla Settimana della Critica di Venezia rappresenta un nuovo importante traguardo per la nostra giovane società. Nei nostri progetti valorizziamo sempre una profonda ricerca estetica e l’attenzione verso le tematiche sociali – spiegano i produttori Sergio Panariello e Luca Zingone – e Venezia ci sembra il contesto ideale per presentare un progetto come “Le Mosche”. Al momento abbiamo in cantiere due documentari, un lungometraggio e altri due corti che affrontano proprio attualissime tematiche sociali. In prospettiva vorremmo cimentarci in produzioni di respiro internazionale senza però abbandonare il nostro territorio, puntando allo stesso tempo ad affermarci come produzione esecutiva qui a Napoli”. Tra i progetti prodotti da “Open Mind Film” (www.openmindfilmproduction.com) ricordiamo il corto “Il Giorno 0”, presentato al RIFF Award 2019 (Rome Indipendent Film Festival). Gli attori protagonisti di “Le mosche”, tutti non professionisti, sono Roberto Navarra, Ciro Nacca (protagonista dopo “Le mosche” del film “Ultras), Luciano Gigante, Antonio Castaldo, Ferdinando Chiaiese, Fabiana Cimino, Brigida Navarra, Tiziana De Laurenzio e Patrizia Di Pinto. Salvatore Striano è l’unico attore professionista presente nel film, con con un cameo. Tra i professionisti del film hanno partecipato il Direttore della Fotografia Rosario Cammarota, i montatori Giogiò Franchini e Simona Infante, lo scenografo Luca di Napoli, il fonico Giacomo Vitiello, il direttore di produzione Giuliana Boni. Ora il progetto “Le Mosche”, dopo un lungo periodo di lavorazione, è completo e sarà distribuito in Italia e all’estero dalla società Zen Movie.

Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6146 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Festa d’estate all’Esagono, un successo costruito sull’Umiltà

Maria Beatrice Crisci – «Questa festa dell’estate è ormai una tradizione da quando abbiamo inaugurato la nuova sede qui a Caserta, nella piazza che raccoglie gli umori più autentici e

Editoriale

29 giugno, se piove la colpa è solo della mamma di San Pietro

Augusto Ferraiuolo* – Una delle caratteristiche fondamentali di quella che possiamo chiamare religione folklorica è il rapporto diretto che il fedele ha, se non con la Divinità in assoluto, almeno

Economia

Processo tributario telematico. I commercialisti si formano

Maria Beatrice Crisci – L’Ordine dei Dottori Commercialisti e Esperti Contabili di Caserta ha organizzato per mercoledì 5 dicembre un seminario di aggiornamento dal titolo: “Il Processo Tributario Telematico”. L’appuntamento

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply