No disturb! Oggi è il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

No disturb! Oggi è il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

Luigi Fusco

– Cade oggi, e durerà fino a mezzanotte, il Blue Monday: il giorno più triste dell’anno. Trattasi di una teoria, già in essere da qualche decennio, i cui effetti riguardano tutte le persone che abitano nelle nazioni dell’emisfero boreale. I suoi fondamenti rientrano nella branca della pseudo-scienza, mentre la data del Blue Monday, cioè il terzo lunedì di gennaio, venne individuata, già nel 2005, da Cliff Arnall, psicologo presso l’Università di Cardiff, nel Galles. Tale ipotesi è stata, poi, divulgata da numerose compagnie pubblicitarie attraverso i più recenti e diffusi social network.

Altri esperti di questa credenza hanno, inoltre, avanzato la tesi che nello stesso giorno non solo si è più giù di morale, ma si è anche ben predisposti ad avviare le pratiche del divorzio rispetto ad altri periodi dell’anno.

Lo stesso Arnall nel dar man forte alla sua speculazione prese, invece, in considerazione una serie di elementi e di fattori determinanti la tristezza: le condizioni meteorologiche, la consapevolezza dei debiti accumulati, il tempo trascorso dal Natale, la constatazione del fallimento dei propositi prefissati con l’avvio del nuovo anno, gli scarsi livelli di motivazione e la sensazione, che al di là di tutto, sia indispensabile intervenire su ogni aspetto della propria esistenza.

Tra critiche e approvazioni, la teoria del Blue Monday è sopravvissuta fino ad oggi, per quanto, considerato il singolare momento storico, sia un po’ difficile accettarla. L’emergenza pandemica, la crisi economica che sta investendo l’intero globo e le incertezze politiche e sociali che ne stanno venendo fuori, porterebbero a pensare che, da un anno a questa parte, ci sia stato più di un lunedì triste e, quasi come nella legge del contrappasso, tenuto conto che all’orizzonte si intravedono nuovi spiragli di luce è forse opportuno pensare che questo lunedì, 18 gennaio, sia da interpretare più come giorno della speranza e non della tristezza global

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6788 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Vigilia di Natale a tavola. Il baccalà, tra storia e tradizione

Luigi Fusco -La sera della Vigilia di Natale, non può mancare, in occasione del tanto atteso cenone, il baccalà, considerato, al riguardo, tra le portate principali. Fritto o in bianco,

Arte

Reggia di Caserta. Finissage per Saligia di Andrea Chisesi

Maria Beatrice Crisci (ph Pino Attanasio)  – E’ in programma per lunedì 19 agosto alle ore 10 al Teatro di Corte della Reggia di Caserta il finissage della mostra Saligia di

Cultura

Settembrarte. 900 visitatori nel weekend a Nola

Claudio Sacco – “Un’occasione importante ma, soprattutto, una reale e concreta opportunità per noi nolani e per i tanti visitatori che, sabato e domenica, hanno potuto ammirare i tesori nascosti

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply