Parthenope transalpina, c’è accordo con l’Université di Artois

Parthenope transalpina, c’è accordo con l’Université di Artois

Pietro Battarra

– Un vero e proprio Grand Tour dal sapore di altri tempi il viaggio di Pasquale Mammone, rettore dell’Université di Artois (Arras, Francia). Sarà in visita la prossima settimana presso l’Università degli Studi di Napoli Parhenope, accompagnato dal delegato all’Internazionalizzazione Ahmed El Khaladi e dalla professoressa Siyan Jin, per suggellare la fruttuosa collaborazione tra i due atenei che dura dal 2015. Portati a termine, oltre a un accordo Erasmus, un accordo quadro di collaborazione scientifica e didattica, l’istituzione di un doppio titolo tra il corso di “Economia e Commercio” e il corso di “Economie et Gestion dell’Université d’Artois”, un doppio titolo tra il Corso di Laurea Magistrale in “Scienze Motorie per la Prevenzione ed il Benessere” e il Corso di Studi Master in “Activité Physique Adaptée et Santé” di Artois. La prolifica collaborazione accademica è iniziata con la stipula di una convenzione per il dottorato di ricerca internazionale in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche, convenzione che ha dato luogo a diverse manifestazioni scientifiche nel corso degli anni. Nel mese di dicembre, inoltre, avrà luogo il convegno “Vulnerability and resilience in English literature of the long nineteenth century” co-organizzato dalla docente dell’università Parthenope Raffaella Antinucci e da Adrian Grafe di Artois.  

Dopo una tappa in terra di Calabria, dove l’università francese ha altri accordi, martedì 15 giugno poi il Président dell’Université di Artois incontrerà il rettore del noto ateneo campano Alberto Carotenuto, il prorettore vicario Franco Calza, il prorettore all’Internazionalizzazione Gabriele Sampagnaro, il prorettore alla Didattica e agli affari istituzionali Antonio Garofalo e i docenti dell’area linguistica. Il tour prevede, su esplicita richiesta della delegazione francese, una giornata a Caserta dove gli ospiti potranno apprezzare le bellezze del territorio.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9727 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Il buongiorno si vede dal Mattino, i progetti di Egidio Cutillo

Regina della Torre – Ancora spazio ai millennials casertani. È quanto sta proseguendo a fare il quotidiano Il Mattino che oggi 18 agosto nell’edizione di Terra di Lavoro riporta l’intervista di Maria Beatrice Crisci, direttrice di Ondawebtv, a Egidio Cutillo,

Stile

Concorso Manichino Tricolore, a Sant’Arpino la prima edizione

Redazione -Nell’ambito della Rassegna Nazionale di Teatro-Scuola PulciNellaMente sabato 8 luglio a Sant’Arpino si svolgerà lo Spettacolo-Concorso “Sulle ali della Moda” a cura della Stilista Daniela Mascia. Nell’ambito della kermesse

Attualità

Aggredito medico a Teano, solidarietà dall’Ordine di Caserta

Maria Beatrice Crisci -Il Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Caserta esprime vicinanza e solidarietà al collega Giuseppe Di Sano per la vile aggressione subita presso il