Roma Nft Week, la comunità dell’arte usa le nuove tecnologie

Roma Nft Week, la comunità dell’arte usa le nuove tecnologie

Redazione

-Per quattro giorni, dal 14 al 17 settembre 2023, la prima edizione di ROMA NFT WEEK
offrirà incontri, talk, mostre esplicative e vernissage completamente gratuiti e aperti al pubblico.
L’obiettivo principale dell’evento è far conoscere e approfondire la realtà delle nuove tecnologie
come gli NFT, creando connessioni tra i molteplici protagonisti di questo mondo in continua
evoluzione.
Organizzato dall’associazione Progetto Bridges, realizzato con il supporto di Regione
Lazio in collaborazione con WeGil, ROMA NFT WEEK è l’evento che unisce l’arte, la tecnologia e
la comunità. È dedicato al mondo degli NFT, delle blockchain, della cryptoart e del web3.
La manifestazione si terrà presso il prestigioso Palazzo WeGil, l’hub culturale della Regione Lazio
situato in largo Ascianghi 5 a Trastevere, nel cuore del centro storico di Roma.
L’evento si svolgerà sui tre piani del Palazzo WeGil, ognuno dedicato a diverse aree
tematiche.


Al piano terra del Palazzo WeGil, gli ospiti troveranno l’Area Introduttiva / Esplicativa:
una mostra introduttiva ed esplicativa sugli NFT e le loro applicazioni attuali e future. Nell’Area
Vernissage gli NFT di diversi artisti (italiani ed internazionali) saranno esposti in quattro differenti
vernissage, uno per ogni giornata dell’evento.
Il 16 settembre vi sarà la mostra phygital “Coming Soon”, curata da Enzo Battarra. Una
collettiva di nove artisti che presenteranno le loro opere nella doppia versione, fisica e digitale. Gli
artisti sono: Andrea Crespi, Emanuele Dascanio, Bruno Donzelli, Fabiello, Fabio Giampietro,
Debora Hirsch, RedruM, Giuseppe Veneziano e YOU (Matteo Mandelli).
Nel Mezzanino della struttura, per i quattro giorni della manifestazione sarà allestita la
mostra NFT “Extra Moenia. Un classico ultracontemporaneo” a cura di Pietro Battarra. Gli
artisti sono stati reclutati con una open call.
Al primo piano del Palazzo WeGil sarà allestita un’Area Talk capace di ospitare fino a 80
sedute. Qui si terranno incontri e dibattiti, coinvolgendo in diversi “tavoli rotondi” istituzioni,
imprenditori, artisti e legislatori, per avviare dialoghi volti a costruire una strada comune verso il
futuro di questi strumenti tecnologici in ambito culturale ed economico.
Tra gli interlocutori vi saranno Americo Cacciapuoti, CEO e fondatore di World of V e WoV
Labs, Alisia Viola, curatrice e critica d’arte contemporanea, Claudio Francesconi, direttore e
fondatore di Futura Art Gallery, e Massimo Ruotolo, docente nel Master di Crypto Arte e NFT
all’IdI. Sempre al primo piano l’Area Phygital. La parola “phygital” nasce dall’unione degli
aggettivi “physical” (fisico) e “digital” (digitale). Questa area esplorerà la possibilità di collegare
oggetti fisici a controparti digitali tramite la blockchain e gli NFT. Sarà presente una mostra
esplicativa con esempi reali di phygital e verranno spiegate nel dettaglio le varie fasi di questa
tecnologia, inclusa l’applicazione di un microchip (NFC) per la tracciatura dei dati e la garanzia di
originalità dei prodotti fisici.
ROMA NFT WEEK si propone come un evento aperto e inclusivo, dove artisti, creativi,
operatori del settore, collezionisti e “semplici” appassionati possono incontrarsi e condividere idee
all’interno di una grande comunità.

Per maggiori informazioni sull’evento e per partecipare alle diverse attività, visitate il sito
web ufficiale di ROMA NFT WEEK all’indirizzo www.romanftweek.com.
PARTNER: WOV LABS – REASONED ART – EXPLUS
MEDIAPARTNER: S.C.I. – SIMULNEWS – SERVIZI DIFFUSIONALI – NEXT NFT
AGENCY
Contatti: Ufficio stampa ROMA NFT WEEK – Email info@romanftweek.com.

ROMA NFT WEEK
Dal 14 settembre al 17 settembre 2023
ARTE CONTEMPORANEA
Location
Palazzo WeGil, Largo Ascianghi 5, Roma
Orario di apertura
Giovedì 15:00/19:00
Venerdì 10:00/19:00
Sabato e domenica 11:30/19:00
Vernissage
14 Settembre 2023, dalle 16:00
Sito web
http://www.romanftweek.com/
Media partner
S.C.I. – SIMULNEWS – SERVIZI DIFFUSIONALI – NEXT NFT AGENCY
Produzione organizzazione
Progetto Bridges
Sponsor
WOV LABS – REASONED ART – EXPLUS
Patrocinio
Regione Lazio

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9779 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Dolce&Salato. Daddio, è musica in cucina con il quinto quarto

Maria Beatrice Crisci -L’Università del Sapore della Scuola Dolce & Salato degli chef Giuseppe Daddio e Aniello di Caprio ha pensato bene di rivalutare alcuni sapori legati alla tradizione con

Attualità

Aversa, bimbi a casa senza pc? Ecco l’Università e l’Unicef

Maria Beatrice Crisci – Arriva da Aversa una notizia che scalda il cuore in questo periodo di emergenza da coronavirus. Protagonista è il Dipartimento di Ingegneria dell’Università della Campania “Luigi

Primo piano

Musica in Comune, Ciccio Merolla Quartet apre la rassegna

Emanuele Ventriglia -“Musica in Comune”, al via giovedì 21 luglio alle 20,30 con Future Music. Ad aprire la rassegna Future Music ovvero Ciccio Merolla Quartet con Pietro Condorelli, Davide Afzal