Santa Lucia, culti e rituali anche a Caserta per riveder la luce

Santa Lucia, culti e rituali anche a Caserta per riveder la luce

Luigi FuscoA Santa Lucia ‘a jurnata fa ‘nu passo ‘i gallina, è l’antico detto che, oltre a rievocare il dies natalis della santa siracusana, è considerato, secondo la tradizione, il giorno più corto dell’anno. Il culto e il nome di Lucia sono popolari in tutto il mezzogiorno ed il suo martirio è, da sempre, considerato tra le massime espressioni simboliche del sacro femminino. Scarne sono le notizie riguardo la sua vita, per lo più ricavate da due Passiones, cioè cronache dedicate alla sua morte, i cui tratti descrittivi sconfinano, spesso, nel leggendario. Nativa, appunto, di Siracusa, Lucia apparteneva ad una nobile famiglia locale; ammalatasi la madre, si recò a Catania per pregare sulla tomba di Sant’Agata; addormentatasi, quest’ultima le apparve in sonno annunciandole che da quel momento avrebbe acquisito il potere di compire miracoli. Dopo questo prodigioso evento, Lucia decise di mantenere la propria verginità e di dedicarsi completamente a Dio; vendette i suoi beni, regalò la sua dote e dal ricavato di entrambe donò tutto ai poveri. Mancando, però, all’impegno preso dai suoi familiari di contrarre matrimonio venne denunciata come cristiana dal suo promesso sposo a Pascasio, già governatore di Siracusa. Dopo esser sopravvissuta a diverse forme di tortura, venne decapitata il 13 di dicembre dell’anno 310 d.C. Da quel giorno la sua ricorrenza, che cade in concomitanza del periodo solstiziale, è stata associata alla luce e alla vista, di cui la stessa Lucia è santa protettrice. D’altronde, il suo nome deriva dalla parola latina lux. Sono questi gli elementi etimologici che, nel corso del tempo, hanno contribuito a definire l’impianto iconografico della santa, che, per la maggiore, appare raffigurata con in mano un piatto contenente i suoi occhi e con una lampada che allude alla sua virtù profetica. 

Anche a Caserta, nel XVI secolo, si diffuse il culto di Santa Lucia, grazie alle sollecitudini spirituali e alle preghiere promosse dagli Acquaviva d’Aragona. Furono quest’ultimi, difatti, a far costruire il convento, a lei dedicato, ancora oggi visibile sulla collina sovrastante la frazione di Centurano. Trattasi di un complesso monastico, in origine affidato ai frati cappuccini, che, nel corso dei secoli, ha subito diverse trasformazioni, di cui si ricordano, soprattutto, quelle fatte adottare dai Borbone, le cui tracce ornamentali e documentarie sono tuttora presenti al suo interno. Soppresso durante il decennio napoleonico, riformato con la restaurazione borbonica e nuovamente chiuso, nel 1866, con le leggi “eversive”, la fabbrica di Santa Lucia, dopo alterne vicende, è ritornata a nuova vita, mantenendo, inoltre, la sua primigenia centralità devozionale, che si manifesta, oltre il 13 dicembre, anche nella prima domenica di maggio, in occasione dei pellegrinaggi di migliaia di fedeli, i quali accorrono per ingraziarsi i miracoli della santa al fine di riveder la “luce”.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1044 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Cultura

Nasce l’albero di Fausto, fiorirà da Serao all’ombra della Reggia

Claudio Sacco – Sta per rinascere e questa volta sarà vera musica! Siamo a corso Trieste a qualche decina di metri dalla Reggia di Caserta, davanti a uno dei bar

Primo piano

L’economia che non uccide, don Antonello al Liceo Manzoni

-Mercoledì 23 febbraio, alle ore 10, nell’Aula magna del Liceo Manzoni, il Presidente dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero, don Antonello Giannotti, parroco della chiesa del Buon Pastore, presenta il suo pamphlet

Economia

Il Mezzogiorno che va per mare. ASI Caserta: “Crea sviluppo”

Luigi D’Ambra – “Economia del mare e sviluppo territoriale”. Se ne è parlato a Gaeta nel corso di un convegno organizzato dalla Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico. Presente il vertice dell’Asi