Santo Stefano, storia e leggenda della festa del 26 dicembre

Santo Stefano, storia e leggenda della festa del 26 dicembre

Luigi Fusco

-Sono innumerevoli le storie, le leggende ed i miracoli compiuti che insistono intorno alla figura di Santo Stefano, la cui devozione è diffusa in ogni angolo del mondo. Particolare venerazione nei confronti di questo santo, riconosciuto tra i principali protomartiri della chiesa cristiana, è sentita dai campani in generale, mentre il suo patronato è presente in molte località della provincia di Caserta.

Tra le diverse narrazioni che riguardano la vita di Stefano, notevole, ma anche meno nota, è quella relativa alla sua nascita. Al riguardo, si racconta che la notte di Natale davanti alla grotta di Gesù Bambino si recò una giovane donna, di nome Tesia, per incontrare di persona la Madonna. Nonostante fosse un suo desiderio, questa ragazza non aveva figli e, per riuscire a superare la moltitudine delle persone che si erano raccolte intorno alla Sacra Famiglia, avvolse una pietra in un panno fingendo di portare in grembo un bambino. La Vergine si accorse dell’inganno, ma volle perdonarla e per farla contenta trasformò la pietra in un neonato, a cui venne dato il nome di Stefano.

La sua morte avvenne nel 36 d.C. e, contrariamente alle pene che, a quel tempo, venivano inflitte dai romani attraverso la pratica della crocifissione, il martirio di Stefano avvenne tramite la lapidazione, usanza che venivano messa in atto, in maniera quasi esclusiva, dai giudei.

Nel III secolo d.C., cominciò ad espandersi il suo culto, grazie alla promozione che ne fece Sant’Agostino; fu una diffusione capillare che avvenne in ogni parte dell’allora Impero Romano. Ancora, dopo il passar di almeno due secoli, gli eventi prodigiosi di Santo Stefano continuavano a registrarsi ovunque, anche in territorio italiano. Secondo la tradizione, Papa Pelagio I, prima di far ritorno a Roma da Costantinopoli, aveva ricevuto in dono, dall’imperatore Giustiniano I, il corpo di Santo Stefano. Mentre era di passaggio per l’antica città di Capua, il corteo pontificio venne accolto da una folla festante a cui si unirono preti e diaconi con in testa delle ghirlande di fiori: una sorta di omaggio al nome stesso di Stefano, che, in greco antico, significa ghirlanda o “cinto dalla corona del martirio”. Durante il cammino si ebbero numerosi miracoli e, infine, venne donato ai capuani un braccio del Santo che, ancora oggi, si conserva nella Cattedrale capuana insieme ad un altro insigne frammento delle sue spoglie. Tali sacri resti sono custoditi in due importanti reliquiari: la cassetta dei Santi Stefano e Prisco, del XIII secolo, e il busto argenteo, datata al Settecento, la cui esposizione avviene ai fedeli avviene in occasione del suo Dies Natalis, cioè il 26 dicembre.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7330 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Pulizie di primavera alla Reggia, tornano a brillare i lampadari

Luigi Fusco – La Reggia di Caserta continua a restar chiusa nel rispetto delle recenti norme anti-covid, ma proseguono gli interventi di manutenzione ordinaria al suo interno. Dopo i restauri

Spettacolo 0 Comments

Roberto Bolle ritorna a Napoli per la grande festa della danza

Claudio Sacco – Torna a Napoli Roberto Bolle e lo fa con una delle sue creazioni cui tiene di più: OnDance, la grande festa della danza che l’anno scorso ha letteralmente

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply