Te piace ‘o presepio? Antefatti nei riti pagani dell’antica Roma

Te piace ‘o presepio? Antefatti nei riti pagani dell’antica Roma

Luigi Fusco

– Come da tradizione, con l’Immacolata cominciano, in ogni casa, i preparativi per gli addobbi natalizi: dall’albero al presepe. Soprattutto per quest’ultimo si tratta di una consuetudine cristiana molto sentita a Napoli e nel resto della Campania, ma le sue radici hanno dei precedenti che sono individuabili in storie e leggende afferenti all’universo politeista e più in generale all’antica civiltà romana. Difatti, buona parte della memoria culturale del cosiddetto “presepio” emerge dal sincretismo pagano-cristiano che si è affermato nel lungo arco di tempo intercorso tra la crisi dell’Impero Romano d’Occidente e l’ascesa dei nuovi valori cristiani nella società alto-medievale. Tra gli esempi più significativi di questo particolare intreccio di tradizioni cultuali c’è quello riferito alla presenza degli animali “salvifici”: il bue e l’asinello collocati dentro la grotta il cui respiro riscalda il piccolo Gesù, bambino mitico che dopo esser stato respinto e maltrattato dalla comunità degli esseri umani viene accolto e protetto da quella animale, poiché, da grande, sarà il fondatore di una moderna civiltà. Un caso analogo si risconta nella vicenda di Ciro il “grande”, neonato sottoposto alla natura crudele e messo, poi, al riparo da una cagna. Al contempo, possono essere prese a confronto anche le leggende di Romolo e Remo, salvati dalla lupa, o addirittura di Zeus che, perseguitato dal padre Kronos, viene difeso e allattato dalla capra Amaltea in una grotta sul monte Ida nell’isola di Creta.

Per quanto riguarda, invece, la materializzazione degli animali in statuette, pure si tratta di un processo che fonda le sue origini nel mondo romano, all’usanza di creare appositi oggetti augurali da disporre dentro casa nel corso delle celebrazioni religiose di fine anno. A Roma, nel mese di dicembre, si svolgeva la festa dei Saturnalia; una ricorrenza che si svolgeva in onore del dio Saturno e che coinvolgeva tutti gli abitanti della città, liberi o schiavi che fossero. Contestualmente si tenevano anche le cerimonie dedicate alla festività dei Sigillaria: si tenevano nell’arco di sette giorni in cui si facevano offerte di sculture in gesso a Saturno, dette sigilla, cioè piccole immagini che venivano vendute in appositi mercati. Dal punto di vista figurativo, queste statuette rappresentavano animali e venivano acquistate per essere donate ai bambini. Questa pratica stabiliva precisi comportamenti che erano destinati ad armonizzare l’atmosfera familiare, fatto che tuttora avviene come quando si va in giro per i mercatini presepiali o per la strada di San Gregorio Armeno a Napoli a comperare pastori e accessori presepiali di vario tipo per soddisfare il desiderio di collezionismo dei grandi e l’innocente gioia dei più piccoli.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7328 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale 0 Comments

Steampunk, la moda della tecnologia retrò va a tutto vapore

Angelo Riccioni * Per gli uomini dell’Ottocento anche la moda doveva inchinarsi al fulgore di epoche remote: il loro amore per il passato era così pronunciato che indossavano antichi cammei

Cultura 0 Comments

Edoardo De Angelis, trionfo in laguna “made in Caserta”

(Beatrice Crisci) – E’ finita così, con il regista e gli attori sul palco mentre dietro scorrevano i titoli di coda (nella foto), in un tripudio di applausi. Che il

Attualità

Arriva la Befana, mattinata di festa e cioccolatini a Capodrise

Maria Beatrice Crisci per Ondawebtv “Arriva la Befana!” a Capodrise. La Pro Loco ha organizzato in Piazza Massaro una mattinata dell’Epifania all’insegna di feste, giochi e animazione per grandi e

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply