Teatro Garibaldi, Maurizio Casagrande incontra il pubblico

Teatro Garibaldi, Maurizio Casagrande incontra il pubblico

Emanuele Ventriglia

-È stato Maurizio Casagrande l’ospite del primo appuntamento del «Teatro degli incontri», format che prevede l’incontro tra i protagonisti della scena e il pubblico nel Salone degli Specchi del Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere. Quest’anno, ad ogni rappresentazione parteciperà una rappresentanza di studenti, professori e dirigenti degli istituti superiori della città, allo scopo di avvicinare i ragazzi alla cultura teatrale.

L’attore napoletano, che sabato sera ha inaugurato la stagione teatrale 2022/2023 con il suo spettacolo «A tu per Tre 2.0», si è confrontato con il pubblico, parlando del suo rapporto con il padre, anche lui attore, che lo ha indirizzato alla recitazione. Ha trattato poi i temi del cinema e del teatro, dichiarando: «Sono un amante dell’arte in tutte le sue forme, in quanto mezzo di espressione. Sotto questo aspetto, credo che il cinema sia la forma d’arte più potente, poiché ti permette di essere quasi un piccolo dio e di inventare un mondo con le proprie leggi. Mi piace paragonare il teatro ad un tessuto nero: su questo colore possono essere viste al meglio tutte le altre tonalità, così come gli attori possono essere notati nel buio della scena».

All’incontro, moderato da Mimmo Cice per il Teatro Pubblico Campano, anche l’assessore alla Cultura Anna Maria Ferriero e Gerardo Di Vilio consulente del comune per il teatro, nonché la cantante Ania Cecilia e la pianista Claudia Vietri, che con Casagrande recitano sul palco. Hanno dichiarato: «Lavorare con Maurizio è un viaggio meraviglioso, ci ha reso delle artiste partendo dalla musica. Eravamo intrappolate negli abiti della nostra arte e per recitare con lui siamo state costrette a “svestirci”».

«A tu per Tre 2.0», che ha registrato enorme successo al teatro, è diviso in tre «momenti» veloci e leggeri che si amalgamano in una struttura omogenea e che vedono Casagrande esibirsi come attore e cantante. Il pubblico si trova immerso da subito in una atmosfera calda e piacevole, ma mai banale e approssimativa. Tutto avviene in un’apparente improvvisazione che svela, nello svolgersi della serata, il raffinato disegno generale. Sulla scena due donne e un uomo, un pericoloso «triangolo» che porterà le ragazze a coalizzarsi contro di lui, mettendolo in netta minoranza.

About author

emanuele ventriglia
emanuele ventriglia 186 posts

Emanuele Ventriglia - Musicista e cantautore, studia la chitarra e canta fin da bambino. Iscritto alla facoltà di Lettere Moderne dell'Università Vanvitelli, ama l’arte e la creatività in tutte le loro forme. Oltre al portare avanti il suo progetto musicale, ha avviato un percorso di formazione di Marketing e Comunicazione.

You might also like

Spettacolo

Signori, c’è Totò al Piccolo di Caserta! “Non sono bazzecole”

(Enzo Battarra) – Omaggio del Piccolo Teatro di Caserta a Totò nel 50esimo anniversario dalla scomparsa. “Non sono bazzecole” è lo sopettacolo elaborato e diretto da Ottavio Buonomo in scena al CTS

Comunicati

Notte dei ricercatori, la conferenza stampa va in streaming

-Torna la Notte Europea dei Ricercatori. Quest’anno l’edizione campana sarà presentata con una conferenza stampa on line domani lunedì 23 novembre alle 11.30. La manifestazione si terrà il 27 e

Editoriale

Giorno della Memoria, quei cancelli di Auschwitz da abbattere

Tiziana Barrella – Il 20 luglio del 2000 la Repubblica italiana con la legge 211 proclamava il “Giorno della Memoria”, riconoscendo da ben 22 anni oramai il 27 gennaio – data dell’abbattimento dei