Testimoni del male, i “cuori spenti” di Sardo al Buon Pastore

Testimoni del male, i “cuori spenti” di Sardo al Buon Pastore

Maria Beatrice Crisci

-Storie di vittime innocenti della criminalità, per lo più persone comuni: lavoratori, pensionati, ragazzi. Tra essi anche un medico e un sacerdote. È il volume di Raffaele Sardo “Cuori Spenti”. Guida editori. Il quarto scritto per conto della Fondazione Polis.

Adele Vairo – Marilù Musto

Ieri la presentazione nella sala Moscati al buon Pastore di Caserta. Con l’autore, a moderare l’incontro la giornalista de Il Mattino Marilù Musto.  A parlarne sono intervenuti il procuratore capo di Avellino Domenico Airoma, la preside del liceo Manzoni Adele Vairo. A portare la loro testimonianza Augusto di Meo (testimone dell’omocidio di don Peppe Diana) e Giuseppe Ciaburro, figlio del maresciallo Luigi Ciaburro, ucciso a Villa.literno il 9 settembre 1975. In sala anche una bella e significativa rappresentanza del liceo Manzoni con le loro docenti.

Quindici storie che toccano il cuore quelle di Sardo, a cui bisogna avvicinarsi con grande rispetto per le vittime e i familiari. A raccontare sono madri, padri, mogli, figli, sorelle, fratelli, nipoti, che dal giorno della tragedia scontano una condanna a vita che nessun giudice ha mai comminato, un ergastolo.

«Quelle che racconta Raffaele Sardo – ha sottolineato il procuratore Airoma – sembrano storie brutte ma non lo sono nel senso che in alcune di queste si intravede un orizzonte. Così come quella di Livatino (magistrato siciliano ucciso dalla mafia e dichiarato beato come martire della giustizia e della fede) che agli occhi del mondo sembra uno sconfitto. Ma non è così».

Domenico Airoma

Quindi, ha spiegato: «La vicenda di Livatino è la prima che vede un testimone di giustizia. Inoltre, da qui partirono una serie di riforme. E poi l’invettiva ai mafiosi di Giovanni Paolo II “convertitevi verrà il giudizio di Dio”. Tutto ciò ci dice perché bisogna raccontare e ascoltare storie del genere».

«Noi educatori – ha sottolineato la professoressa Vairo – dobbiamo illuminare la scelta dei ragazzi ma dobbiamo raccogliere la sfida educativa. Dobbiamo cominciare a interrogarci e la sfida educativa va raccolta da noi tutti i giorni. Tutti i giorni dobbiamo essere segnale di testimonianza quotidiana. Il vescovo Lagnese qualche giorno fa ospite al Manzoni ci ha invitato a dire ai ragazzi e alle ragazze che il cambiamento deve cominciare oggi da noi perché un altro mondo è possibile. Bisogna dire ai ragazzi che esistono vittime che non vanno dimenticate. Questo di Sardo è un racconto di memorie e quando noi facciamo memoria di un accadimento lo ripercorriamo nel quotidiano. Ed è ovvio che il cuore è sempre più spento perché la traccia è malinconica.

Augusto di Meo

E ancora la preside Vairo: «Credo sia necessario comunicare le buone notizie, le buone pratiche. Tanti i professionisti che lo fanno e che rappresentano per noi una forza, perché ciò che viene comunicato si moltiplica». Toccante la lettura di alcuni passaggi del libro a cura di Raffaele Frega. Ad inizio dell’evento i saluti dell’assessore alla Cultura e all’’Istruzione Enzo Battarra.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8910 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Pronti, partenza, saldi! Confesercenti, la corsa all’affare inizia

-Da domani prendono il via in provincia di Caserta le vendite di fine stagione, il primo grande appuntamento commerciale dell’anno.“Forte l’interesse da parte dei consumatori: il 72% si dichiara interessato

Food

Dolce&Salato. Tre giorni di formazione sul panettone natalizio

Alessandra d’Alessandro -«Il Panettone nella terra delle Eccellenze. La Campania, il volano delle opportunità, ripartire dai Mestieri ma con le Competenze! Siamo alle porte del Natale ed il clima già

Spettacolo

Rosa Feola sontuosa su RaiUno, la bellezza ha suonato con lei

Maria Beatrice Crisci – «Un’esperienza unica partecipare a questa collaborazione». Così il soprano Rosa Feola sulla sua pagina instagram protagonista di un dialogo tra arte, musica e danza, all’insegna della