Testimoni del male, i “cuori spenti” di Sardo al Buon Pastore

Testimoni del male, i “cuori spenti” di Sardo al Buon Pastore

Maria Beatrice Crisci

-Storie di vittime innocenti della criminalità, per lo più persone comuni: lavoratori, pensionati, ragazzi. Tra essi anche un medico e un sacerdote. È il volume di Raffaele Sardo “Cuori Spenti”. Guida editori. Il quarto scritto per conto della Fondazione Polis.

Adele Vairo – Marilù Musto

Ieri la presentazione nella sala Moscati al buon Pastore di Caserta. Con l’autore, a moderare l’incontro la giornalista de Il Mattino Marilù Musto.  A parlarne sono intervenuti il procuratore capo di Avellino Domenico Airoma, la preside del liceo Manzoni Adele Vairo. A portare la loro testimonianza Augusto di Meo (testimone dell’omocidio di don Peppe Diana) e Giuseppe Ciaburro, figlio del maresciallo Luigi Ciaburro, ucciso a Villa.literno il 9 settembre 1975. In sala anche una bella e significativa rappresentanza del liceo Manzoni con le loro docenti.

Quindici storie che toccano il cuore quelle di Sardo, a cui bisogna avvicinarsi con grande rispetto per le vittime e i familiari. A raccontare sono madri, padri, mogli, figli, sorelle, fratelli, nipoti, che dal giorno della tragedia scontano una condanna a vita che nessun giudice ha mai comminato, un ergastolo.

«Quelle che racconta Raffaele Sardo – ha sottolineato il procuratore Airoma – sembrano storie brutte ma non lo sono nel senso che in alcune di queste si intravede un orizzonte. Così come quella di Livatino (magistrato siciliano ucciso dalla mafia e dichiarato beato come martire della giustizia e della fede) che agli occhi del mondo sembra uno sconfitto. Ma non è così».

Domenico Airoma

Quindi, ha spiegato: «La vicenda di Livatino è la prima che vede un testimone di giustizia. Inoltre, da qui partirono una serie di riforme. E poi l’invettiva ai mafiosi di Giovanni Paolo II “convertitevi verrà il giudizio di Dio”. Tutto ciò ci dice perché bisogna raccontare e ascoltare storie del genere».

«Noi educatori – ha sottolineato la professoressa Vairo – dobbiamo illuminare la scelta dei ragazzi ma dobbiamo raccogliere la sfida educativa. Dobbiamo cominciare a interrogarci e la sfida educativa va raccolta da noi tutti i giorni. Tutti i giorni dobbiamo essere segnale di testimonianza quotidiana. Il vescovo Lagnese qualche giorno fa ospite al Manzoni ci ha invitato a dire ai ragazzi e alle ragazze che il cambiamento deve cominciare oggi da noi perché un altro mondo è possibile. Bisogna dire ai ragazzi che esistono vittime che non vanno dimenticate. Questo di Sardo è un racconto di memorie e quando noi facciamo memoria di un accadimento lo ripercorriamo nel quotidiano. Ed è ovvio che il cuore è sempre più spento perché la traccia è malinconica.

Augusto di Meo

E ancora la preside Vairo: «Credo sia necessario comunicare le buone notizie, le buone pratiche. Tanti i professionisti che lo fanno e che rappresentano per noi una forza, perché ciò che viene comunicato si moltiplica». Toccante la lettura di alcuni passaggi del libro a cura di Raffaele Frega. Ad inizio dell’evento i saluti dell’assessore alla Cultura e all’’Istruzione Enzo Battarra.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9566 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

La tempesta di Sasà. La Mansarda entra a Poggioreale

L’Associazione “La Mansarda Onlus” presieduta da Samuele Ciambriello, propone, presso la casa circondariale di Poggioreale, un progetto a doppia finalità educativa: “Liberi di pensare” che ha come scopo quello di

Spettacolo

Enzo Avitabile è Premio Ubu, la sua musica è “Vangelo”

(Enzo Battarra) – Enzo Avitabile è il vincitore del Premio Ubu – Associazione Ubu per Franco Quadri nella sezione Progetto sonoro o musiche originali, in riferimento all‘opera teatrale “Vangelo” di Pippo Delbono. La

Cultura

‘O Nfierno, Marilena Lucente presenta il suo Dante napoletano

Maria Beatrice Crisci – Ricominciano le attività della Maratona Dantesca di Caserta con #maratonaiscoming. Domani giovedì 8 aprile su Zoom alle 19 si presenta il libro di Marilena Lucente “‘O