Un elefante a corte, quel fascino dell’esotico caro ai Borbone

Un elefante a corte, quel fascino dell’esotico caro ai Borbone

Luigi Fusco

– Presso la Reggia di Caserta sono esposti un dipinto e una piccola scultura in terracotta raffiguranti entrambe un elefante indiano. Nella prima opera, realizzata dal pittore e ufficiale borbonico Pellegrino Ronchi, è rappresentato il grosso pachiderma di profilo, mentre dietro di lui si staglia la figura di un inserviente vestito alla turca. In basso, a destra, è riportata la seguente iscrizione: Euqes Felix Peregrinus Ronchi Patricius Bonionensis in Regimine Prime Cohortis Borbonensis Logotens, ex ipso vivo Elephanti qui in Regii Borbonii [asservatur adamuensis] affixit. Neap. 1743.

Per quanto riguarda la statua, trattasi di un lavoro di Gennaro Reale, autore già attivo a palazzo e impegnato nell’esecuzione di numerose decorazioni per gli appartamenti reali. Tutte e due le opere, insieme a un’altra tela di Giuseppe Bonito, ora conservata presso il Palazzo Reale di Riofrio a Segovia in Spagna, costituiscono le testimonianze relative all’arrivo di un elefante alla corte di Carlo Borbone.

Il grosso animale giunse nel 1742 a Napoli come dono del sultano ottomano Mahmud I in cambio di pregiate tavolette di marmo, ma anche per sancire gli accordi siglati a seguito del Trattato di Navigazione e Commercio stilato tra i due regnanti. Considerata la sua mote, l’elefante venne allocato presso la Reggia di Portici. La sua presenza attirò molte persone, provenienti per la maggiore dai vicini paesi vesuviani, le quali per vederlo elargivano una mancia al soldato che lo teneva in custodia. La sua dimensione esotica lo rese, poi, protagonista nella rappresentazione teatrale del dramma Alessandro nelle Indie, di Pietro Metastasio, messa in scena al San Carlo nel gennaio del 1743. Contestualmente, venne impiegato per alcune parate cittadine. Non ebbe vita longeva, difatti nel 1756 cessò di esistere, ammalandosi probabilmente a causa delle condizioni climatiche non favorevoli al suo corpo e della scorretta alimentazione che riceveva. Dopo il suo decesso, ne vennero asportati la pelle e lo scheletro; successivamente tali resti vennero montati su di un supporto metallico ed esposti all’interno del Museo Borbonico, oggi Museo Nazionale Archeologico di Napoli. Dopo alterne vicende e non pochi trafugamenti delle sue spoglie, le parti sopravvissute vennero portate, nel 1819, al Museo Zoologico, oggi di pertinenza dell’Università Federico II, dove ancora sono visibili. Sulla triste vicenda dell’elefante borbonico, vi ritornò, dopo molti decenni, il filosofo Benedetto Croce, il quale ne ricordò il noto detto popolare dell’epoca, Caporà, è mmuort’ l’alifante, un’evidente allusione alla fine di una situazione che agli occhi dei tanti risultava esser favorevole, soprattutto per i suoi improvvisati guardiani che dalle mance dei tanti curiosi ne avevano tratto un bel profitto.

Luigi Fusco – Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6617 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Iniziato PulciNellaMente. Il sindaco: “Ho bisogno di sognare”

Luigi D’Ambra PulciNellaMente vuol dire circa 2400 alunni che si esibiscono in questi giorni a Sant’Arpino. A salutarli è, a nome dell’intera cittadinanza, il sindaco Giuseppe Dell’Aversana che nel proprio

Attualità

Vigilia a tavola, baccalà e capitone: accoppiata vincente

Marcellino Monda* – Ci apprestiamo a preparare il cenone della vigilia di Natale ed il pensiero già ci fa pregustare le soddisfazioni del palato, anche se fa capolino la preoccupazione

Primo piano

Napoli. Un murales di Jorit per il progetto Codici a Barra

Claudio Sacco – Nel quartiere Barra di Napoli è per domani, venerdì 10 gennaio, alle ore 12 la cerimonia d’inaugurazione del murales realizzato dallo street artist Jorit Agoch sulla facciata

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply