Un romanzo al bacio, il jazz nel nuovo libro di Tony Laudadio

Un romanzo al bacio, il jazz nel nuovo libro di Tony Laudadio

Magi Petrillo

Laudadio_Tony_Preludio-a-un-bacio_cover- Pur non essendo un polar, si deve per forza arrivare alla fine e nel più breve tempo possibile, non è di quei romanzi che tu lasci giacere lì sul comodino, che, magari, hai anche iniziato ma che non apri quando sei stanco … no, non è così, perché l’ultimo di Tony Laudadio è il romanzo che narra, come in una pièce teatrale, la storia della seconda possibilità, ma non solo.

Sin dal titolo evocativo del capolavoro di Duke Ellington, “Preludio a un bacio” (NNE, 2018, Milano, 217 pp), il romanzo si preannuncia per il lettore come un viaggio nel mondo della musica jazz guidato da un io narrante musicista e amante della letteratura (“Prelude to a kiss” è l’unica canzone che fa da colonna sonora a ben due capitoli – la prima volta nella versione appunto interpretata da Duke Ellington, la seconda da Billy Holiday, n.d.r.): Emanuele, colto musicista di strada, alcolizzato e senza fissa dimora, racconta, infatti, la sua vita, senza risparmiare particolari, rinunciando all’artificio della parola e optando per l’assertività: ha cinquant’anni, vive nello scantinato di un palazzo, apparentemente non ha relazioni interpersonali se non con Maria, una bella ragazza che lavora in un bar. Il mondo di quest’uomo è un mosaico complicato che, in un gioco di rimandi di memoria proustiana, il lettore è chiamato a ricomporre … con un finale inatteso.

Ma il romanzo di Laudadio è anche molto altro, perché, ed è l’incipit che lo chiarisce, “la parola è la sorella stronza della musica” (p. 7).

In un gioco di intertestualità che sfora nell’“intermusicalità” questo romanzo rivela, infatti, nelle intercapedini dell’implicito, un autore che gioca con un lettore attento e che conosce i suoi romanzi precedenti (“Esco”, “Come un chiodo nel muro”, “L’uomo che non riusciva a morire”), tessendo una lucida teorizzazione sulla natura del romanzo contemporaneo, sulla sua ‘Epifania’. E Laudadio lo fa dalla sua posizione di artista poliedrico ben argomentando, anche se “entre les lignes”, sul valore e sull’uso che della parola deve fare il romanziere e sulla polarità tra letteratura e musica che tanto era cara a Jean Cocteau e al Gruppo dei Sei.

You might also like

Editoriale

Arriva alla Reggia Antonio Lampis, il superdirettore dei musei

Maria Beatrice Crisci – «Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali rende noto che, nell’attesa del compimento del bando di selezione internazionale, ha avviato le procedure necessarie per

Attualità

Terra dei fiocchi. Splende sotto la neve la provincia di Caserta

Maria Beatrice Crisci – La Befana è in arrivo portando con sé fiocchi di neve e gelo. Un ‘immagine davvero unica e non consueta soprattutto per Caserta. Tetti e prati

Primo piano

A Caserta i giannoniani diplomati nel 1986 si ritrovano dopo 30 anni

(Beatrice Crisci)             Trent’anni dopo, certamente diversi, nell’aspetto fisico ma soprattutto dentro. È passata una vita da quando nel 1986 le studentesse e gli studenti dell’ultimo anno del liceo classico “Pietro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply