A Santo Stefano tutto fa brodo, mancano le visite ai presepi

A Santo Stefano tutto fa brodo, mancano le visite ai presepi

Luigi Fusco

– Il 26 dicembre, per quanto giorno di festa, è stato sempre considerato un po’ catartico: sia nelle sue forme celebrativi che nelle pratiche rituali. Dopo le pantagrueliche mangiate della vigilia e del giorno di Natale, a Santo Stefano si pranza con il brodo, seppur di sostanza, accompagnato comunque da ricchi contorni. Nella medesima giornata si è soliti andare in giro a visitare presepi o ad assistere a presepi viventi, molto, diffusi, quest’ultimi in vari centri del casertano.

Purtroppo, considerate le recenti misure anti-covid, per quest’anno non sarà possibile mantener fede a quest’usanza, ma, nonostante tutto, la sua rievocazione può aiutare a mantener viva la memoria in questo particolare momento storico. Al riguardo, era consuetudine andar a veder il Presepe della Reggia di Caserta; migliaia di visitatori, soprattutto nostrani, giungevano al palazzo vanvitelliano per ammirare la copiosa collezione di pastori appartenuta ai Borbone; un’occasione, questa, che dava l’opportunità di vedere anche gli appartamenti storici e le opere d’arte esposte. Vi erano poi i primi appuntamenti con i presepi viventi, veri e propri tableaux vivants, che cominciavano ad esser approntati alla Vaccheria, a Cuccagna di Casagiove, a Sant’Angelo in Formis e a Camigliano. Soprattutto in quest’ultima località, nel giorno di Santo Stefano, prendeva vita il presepe all’interno della Grotta di San Michele: sito di sorprendente bellezza naturalistica e di grande interesse storico-artistico. Trattasi di una sorta di caverna disposta alle pendici del monte che sovrasta Camigliano, al cui interno, oltre alle numerose stalattiti, è presente un affresco di San Michele Arcangelo, datato al Trecento; ed è proprio dentro questa grotta, dalla dimensione infera, che arrivava la luce attraverso la messa in scena della magica nascita del Gesù Bambino.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7131 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Palazzo Cascella, si chiude la rassegna Historia magistra vitae

Claudio Sacco  – Giovedì 28 novembre alle ore 17,30 si concluderà la prima parte della rassegna storica “Historia magistra vitae”, organizzata a Palazzo Cascella Aversa, in collaborazione con l’associazione culturale

Primo piano

Prevenzione e lotta al Bullismo, all’Itis Giordani il seminario

Maria Beatrice Crisci  – «E’ questo un progetto regionale finanziato dal Miur che prevede  lo stanziamento da parte dello Stato di risorse per mettere in atto azioni per contrastare il fenomeno

Primo piano

Una serata da Pashà, per godersi il folk sound dei Victorzeta

Enzo Battarra – Una serata da Pashà. È proprio il caso di dirlo. Il locale della notte in via Triflisco 16 a Bellona offre oggi 22 agosto l’opportunità di un

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply