A Santo Stefano tutto fa brodo, mancano le visite ai presepi

A Santo Stefano tutto fa brodo, mancano le visite ai presepi

Luigi Fusco

– Il 26 dicembre, per quanto giorno di festa, è stato sempre considerato un po’ catartico: sia nelle sue forme celebrativi che nelle pratiche rituali. Dopo le pantagrueliche mangiate della vigilia e del giorno di Natale, a Santo Stefano si pranza con il brodo, seppur di sostanza, accompagnato comunque da ricchi contorni. Nella medesima giornata si è soliti andare in giro a visitare presepi o ad assistere a presepi viventi, molto, diffusi, quest’ultimi in vari centri del casertano.

Purtroppo, considerate le recenti misure anti-covid, per quest’anno non sarà possibile mantener fede a quest’usanza, ma, nonostante tutto, la sua rievocazione può aiutare a mantener viva la memoria in questo particolare momento storico. Al riguardo, era consuetudine andar a veder il Presepe della Reggia di Caserta; migliaia di visitatori, soprattutto nostrani, giungevano al palazzo vanvitelliano per ammirare la copiosa collezione di pastori appartenuta ai Borbone; un’occasione, questa, che dava l’opportunità di vedere anche gli appartamenti storici e le opere d’arte esposte. Vi erano poi i primi appuntamenti con i presepi viventi, veri e propri tableaux vivants, che cominciavano ad esser approntati alla Vaccheria, a Cuccagna di Casagiove, a Sant’Angelo in Formis e a Camigliano. Soprattutto in quest’ultima località, nel giorno di Santo Stefano, prendeva vita il presepe all’interno della Grotta di San Michele: sito di sorprendente bellezza naturalistica e di grande interesse storico-artistico. Trattasi di una sorta di caverna disposta alle pendici del monte che sovrasta Camigliano, al cui interno, oltre alle numerose stalattiti, è presente un affresco di San Michele Arcangelo, datato al Trecento; ed è proprio dentro questa grotta, dalla dimensione infera, che arrivava la luce attraverso la messa in scena della magica nascita del Gesù Bambino.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9739 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Giornata del Paesaggio. La Reggia di Caserta e i Musei

Maria Beatrice Crisci – In occasione della Giornata Nazionale del Paesaggio 2019 alla Reggia di Caserta  oggi alle 16 è in programma un incontro dal titolo “L’arte racconta il Paesaggio”. L’appuntamento

Primo piano

Musica e arte alla Reggia, il week end è ricco di eventi

Luigi Fusco -Un weekend ricco di appuntamenti alla Reggia di Caserta. Il plesso vanvitelliano aprirà, tra sabato e domenica, i propri battenti ai tanti appassionati di storia e storia dell’arte

Primo piano

Maestri alla Reggia, Michele Placido chiude la rassegna

-Giovedì 15 dicembre ore 18.00 quarto e ultimo appuntamento di Maestri alla Reggia con Michele Placido che, intervistato da Andrea Morandi – direttore di HotCorn – chiude la rassegna dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli dedicata agli incontri