Acquedotto Carolino, dicembre con le aperture straordinarie

Acquedotto Carolino, dicembre con le aperture straordinarie

Luigi Fusco

-Nell’ambito delle attività di valorizzazione della Reggia di Caserta, i “Ponti della Valle” di Valle di Maddaloni saranno protagonisti in alcune date previste per il mese di dicembre.  L’imponente struttura architettonica rientrante nello storico Acquedotto Carolino, patrimonio dell’Unesco, verrà aperta in via straordinaria nelle domeniche “dicembrine” del 5, 12, 19 e 26 con visite guidate che si terranno dalle 9.30 alle 12.30. Per partecipare alle escursioni è indispensabile la prenotazione da effettuare tramite email all’indirizzo leonardo.ancona@beniculturali.it o telefonare, dalle 9.30 alle 12.30, ai numeri 0823-1491215 o 0823-1491206. L’iniziativa in programma consentirà ai curiosi e agli appassionati di arte ed architettura di conoscere la storia dell’Acquedotto Carolino. Voluto da re Carlo di Borbone per condurre l’acqua dalla sorgente del Fizzo, posta sul Monte Taburno in provincia di Benevento, al parco della Reggia di Caserta.

Artefice di questa straordinaria opera di ingegneria idraulica fu l’architetto Luigi Vanvitelli. I lavori per la realizzazione dell’acquedotto cominciarono nel 1752 e terminarono nel 1762. Ben nove anni vennero impiegati per la sistemazione del condotto idrico, il cui sistema si sviluppa tuttora su oltre 40 km, da Airola a Caserta, ed è segnalato da 67 torrini ed ha una pendenza di ½ mm per metro.  Di particolare pregio è la struttura dei “Ponti della Valle”, che travalicando Valle di Maddaloni congiunge il monte Longano, ad est, con il monte Garzano, ad ovest.  I “ponti” si caratterizzano per il loro impianto in tufo su tre ordini di arcate poggianti su 44 piloni a pianta quadrata, per una lunghezza di 529 m e con un’altezza massima di 55,80 m, composto sul modello degli acquedotti romani. Al momento della sua costruzione fu il ponte più lungo d’Europa.  La qualità dell’opera di Luigi Vanvitelli è testimoniata anche dalla sua resistenza della sua impalcatura che ha resistito a ben tre violenti terremoti che negli ultimi due secoli hanno interessato l’area dove sorge.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9554 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

VI Randonnée Reale Borbonica, la presentazione alla Reggia

Redazione -Alla Reggia di Caserta la presentazione della VI Randonnée Reale Borbonica, inserita quest’anno tra le iniziative delle Celebrazioni Vanvitelliane. L’evento ciclo-turistico itinerante tra cultura, natura ed eccellenze enogastronomiche, in

Primo piano

Novità a Caserta, una web app per mettere in banca il tempo

Claudio Sacco – Banca del tempo di Caserta. E’ la web app che sarà presentata venerdì 8 ottobre alle 18 presso l’Istituto Buonarroti, sede del Museo Michelangelo. L’iniziativa è parte

Primo piano

A teatro è tempo di fare salotto, ecco Tato Russo al Comunale

(Claudio Sacco) – Attore, con un’attitudine al palcoscenico straordinaria. Ma anche regista e scrittore di teatro. Tato Russo sa essere protagonista dentro e fuori la scena. Cosa racconterà mai a Maria