Arriva alla Reggia Antonio Lampis, il superdirettore dei musei

Arriva alla Reggia Antonio Lampis, il superdirettore dei musei

Maria Beatrice Crisci

– «Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali rende noto che, nell’attesa del compimento del bando di selezione internazionale, ha avviato le procedure necessarie per la nomina del dott. Antonio Lampis, Direttore Generale Musei, quale Direttore ad interim della Reggia di Caserta». Con questo laconico comunicato l’Ufficio Stampa del MiBAC informa che è stato definito il nome del temporaneo successore di Mauro Felicori.

Ma è stato lo stesso Antonio Lampis a chiarire il suo impegno in un post su Facebook: «E’ stata diffusa dal Mibac una nota con cui il Ministro informa di avere avviato le procedure per affidarmi l’interim della Reggia di Caserta in attesa che siano perfezionate le procedure di selezione e di nomina del prossimo direttore, il successore di Mauro Felicori. E’ nel mio carattere e nella mia formazione di servitore dello Stato non tirarmi indietro e devo al Ministro, al Segretario generale e al Capo di gabinetto la massima collaborazione possibile e con spirito di servizio. So che si tratta di un impegno molto pesante, che accompagna quello già pesantissimo della Direzione generale musei e dei suoi 466 istituti. So che posso contare sul sostegno di molti colleghi e collaboratori e studierò la situazione con impegno profondo, senza poter trascurare le grandi sfide per i musei della Nazione in questa fase di entusiastica partecipazione dei cittadini e di sviluppo del sistema museale nazionale. Mi auguro che il Governo realizzi al più presto quanto ha messo in programma in termini di semplificazione delle procedure, anche quelle di selezione del personale statale, poichè resto convinto (e non mi stanco di ripetere) che la semplificazione dell’agire amministrativo è una delle sfide più importanti per il cambiamento del Paese».

Fin qui i fatti. La prima riflessione, a caldo, è che già l’interim è una formula che non garantisce progettualità, poi l’averlo affidato al Direttore Generale dei Musei, certamente oberato da un carico di lavoro esorbitante, equivale a un nulla di fatto. Il superdirettore Antonio Lampis avrà mai il tempo e il modo di occuparsi del Palazzo Vanvitelliano, al di là delle sue buone intenzioni e delle qualità che nessuno pone in discussione?

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8562 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

A Rosanna Marziale il premio Ma_Donna Fiorentina

Un altro riconoscimento importante per la chef casertana Rosanna Marziale, stella Michelin e cuoca tra le più titolate del panorama gastronomico nazionale. Il 2 dicembre, infatti, l’Associazione Cuochi Fiorentini le

Primo piano 0 Comments

La mozzarella fa scuola, aperte le iscrizioni al corso per casari

-Un mestiere che affonda le radici nella tradizione, ma che rappresenta anche una porta di ingresso nel mondo del lavoro. Quello del casaro è un ruolo centrale nella produzione della

L’arte degli anni ’70, in Campania era tutto in movimento

(Beatrice Crisci) – Era un’arte in movimento quella degli anni Settanta in Campania, tra le performance “en plein air” del Collettivo Lineacontinua e gli interventi per le strade e le

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply