Carnevale! Dopo Sant’Antuono iniziano travestimenti e suoni

Carnevale! Dopo Sant’Antuono iniziano travestimenti e suoni

Luigi Fusco

Sant’Antuono, maschere e suon’, è l’antico detto che si recita nel giorno di Sant’Antonio abate, evento che apre le porte al periodo di Carnevale. Inizia così il tempo dei festeggiamenti carnascialeschi, il cui culmine verrà raggiunto tra il giovedì e il martedì grasso prossimi, previsti per la seconda decade di febbraio.

Il Carnevale è un evento diffuso in tutto il mondo, per quanto ogni nazione lo celebra in momenti diversi dell’anno; contestualmente, molteplici sono le tradizioni che lo caratterizzano, sia all’estero che in Italia. Restando in ambito nazionale, in Campania tante sono le consuetudini che contraddistinguono le celebrazioni del carnevale, che cambiano a seconda delle province e soprattutto dei territori che ne fanno parte. Numerose, ad esempio, sono le usanze presenti in area casertana: dalle esibizioni dei bottari, particolarmente sentite nei centri di estrazione rurale collocati nel piano campano, alle spontanee sfilate di carri allegorici, frequentemente allestite nei paesi dell’entroterra. Tra maschere antiche e moderne, nessuno rinuncia a rinnovare, ogni anno, questa festa, le cui origini sono antichissime e forse si perdono nella notte dei tempi. Secondo alcuni studiosi, le radici sono da ricercare in alcuni rituali dionisiaci. Durante quest’ultime celebrazioni era possibile determinare la momentanea dissoluzione degli obblighi sociali e delle varie gerarchie, in modo tale da sovvertire ogni ordine precostituito fino a raggiungere il dileggio o la dissolutezza. Dal punto di vista strettamente religioso, si invocava il caos che, per un periodo limitato, andava a sostituire la composta armonia di una qualsiasi società, salvo, poi, il ritorno all’equilibrio e alla regolare quotidianità vissuta. A supportare questa usanza c’era la convinzione che ogni cosa doveva esser stravolta per poi tornare alla normalità, in modo tale da assicurare la ciclicità della vita e dell’universo. Sia il travestimento, sia l’impiego delle maschere hanno una storia che si fonda con altre tradizioni pagane. Già nelle culture pre-romane, soprattutto del territorio campano, si era soliti abbellire le abitazioni, ma in particolare i santuari, con grosse antefisse, veri e propri mascheroni raffiguranti la testa di Gorgone, la cui funzione era apotropaica e serviva ad allontanare gli spiriti maligni.  Questa pratica aveva una sua dimensione magico-rituale che, però, con il passar del tempo e l’affermazione del cristianesimo ha perso la sua valenza primordiale fino a divenire una forma di divertimento popolare che, appunto, si rinnova in tempo di carnevale.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7292 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

C’è OpenCoesione nel Casertano, protagonista è Agrorinasce

Pietro Battarra – Coinvolge le scuole del territorio il progetto che Agrorinasce sta portando avanti e che vede affrontare diverse tematiche. Dalle politiche di coesione sociale ai finanziamenti europei, ai

Spettacolo 0 Comments

I Supermarket e la world music romagnola allo Spazio X

Regina Della Torre – Sarà lo Spazio X di Caserta stasera alle ore 21 nell’ambito della rassegna Jarmusch Club ad ospitare i Supermarket con la loro world music romagnola. Temi e

Cultura 0 Comments

Museo Campano, una notte con la musica di Martucci

Maria Beatrice Crisci -Spazio alla musica domenica al Museo Campano. Appuntamento alle 20,15 con «Note sotto le stelle». È questo il titolo del concerto dedicato al grande maestro capuano Giuseppe

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply