“Carne Viva”, a Carditello il romanzo storico di Nadia Verdile

“Carne Viva”, a Carditello il romanzo storico di Nadia Verdile

Luigi Fusco

Nadia Verdile

-Sarà un intenso pomeriggio letterario al Real Sito di Carditello, una delle più belle residenze borboniche. Appuntamento per giovedì 26 agosto alle 19.30. L’occasione è la presentazione dell’ultimo libro di Nadia Verdile, Carne viva. Una saga italiana tra Otto e Novecento, per i tipi di Pacini Fazzi Editore. A parlare con l’autrice ci sarà, dopo i saluti del direttore Roberto Formato, Maria Beatrice Crisci, giornalista e direttrice della testata Ondawebtv.

Dopo sedici libri di taglio storico – biografico, la scrittrice molisana, adottata da Caserta, approda al romanzo storico. In tour dallo scorso aprile, il libro ha raccolto grandi consensi di critica e apprezzamento dei lettori. Fine Ottocento. Tempo di fame e di stenti. Nel Molise ancora unito all’Abruzzo la povertà era la regola. Dopo gli anni ribelli e tragici del brigantaggio, in quello scorcio di fine secolo, tutto era precipitato nell’oblio delle Istituzioni. Padroni da una parte, servi dall’altra. Ma anche per i ricchi qualche volta c’erano i divieti. Amare, per esempio, era un lusso non necessario. Qualche volta bandito. Da questo aborto obbligato dei sentimenti «sono nata io – dice l’autrice -, qualche generazione dopo». Questa è la storia di Concetta e Umberto, i suoi bisnonni, figli di un tempo e di una società che marchiavano a fuoco i destini, segnati per sempre dalla scala sociale. Storia di una famiglia, ma anche paradigma e saga di un popolo con i suoi squilibri sociali, i drammi della miseria, dei pregiudizi, dell’emigrazione, delle contrapposizioni ideologiche e politiche. Di persone e gruppi, famiglie e classi, archetipi di una società i cui problemi ancora oggi sono carne viva. Allora, al tempo dei protagonisti e della corolla di personaggi e discendenti che ad essi si accompagna, erano tragica realtà, da accettare con la rassegnazione dell’ignoranza, della cristallizzazione delle convenzioni e dei rapporti sociali dei secoli precedenti. «In questa narrazione – spiega l’autrice – tutto è vero. Persone, nomi, passioni, fatti, viaggi, epiloghi ricostruiti in anni di ricerche negli Archivi di Stato e in quelli familiari, nelle scatole celate, per un secolo mai aperte, nella soffitta della mia famiglia.

Carne viva è la mia, è quella della mia gente, dei miei avi, della mia terra». Una copertina d’autore segna il testo. È di Lewis Hine, tra i più grandi fotografi sociali della storia, occhio narrante dell’emigrazione a cavallo dei due secoli, la foto che campeggia sotto “Carne Viva”. «Sono molto contenta – dice Verdile – di tornare a Carditello con questo mio ultimo libro. Sono grata alla Fondazione che mi ha voluta in un luogo che rappresenta, più di qualsiasi altro, il riscatto. Quel riscatto che i miei avi cercarono. Inutilmente».

In programma, a partire dalle ore 18.30, i voli ancorati in mongolfiera con Volare sull’Arte e le degustazioni di Falanghina nel suggestivo bosco di cerri, in collaborazione con Associazione Italiana Sommelier e Assessorato Agricoltura della Regione Campania. L’iniziativa rientra nella programmazione di “ReSpira”, il Carditello Festival diretto da Antonello De Nicola.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1070 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Attualità

Inail-Confimpresa. Le buone prassi per ridurre i rischi rumori

Claudio Sacco – Giovedì 12 ottobre, presso la prestigiosa sede di Villa Colonna Bandini, sarà presentato il risultato del Progetto CO.SI.P.A.R.E. volto a supportare le imprese nell’adozione di buone prassi e

Attualità

Monda: La vita si tinge di primavera con i Colori del Benessere

Maria Beatrice Crisci «Una sana abitudine nutrizionale prevede 5 porzioni al giorno di verdura e frutta, ognuna di un diverso colore. Il peso di ogni porzione si aggira tra i

Primo piano

Casalnuovo. Una città che suona, giovani artisti in gara

Claudio Sacco – Manca un mese all’atteso appuntamento con “Una Città che suona“, la prima kermesse musicale nata a Casalnuovo di Napoli e che parte quest’anno con la partecipazione di