Giornata del Contemporaneo, quale sarà mai l’arte post-covid?

Giornata del Contemporaneo, quale sarà mai l’arte post-covid?

Luigi Fusco

-Tutto chiuso e fermo, per il momento. Sono questi i due sostantivi che con determinazione hanno definito gli attuali processi culturali ed artistici mondiali; entrambe termini che sono stati adottati per far fronte, in maniera indispensabile, alla diffusione del Covid-19 e quindi atti a garantire una maggiore sicurezza sanitaria. La sostanza, garantita attraverso apposite norme, delle condizioni di arresto summenzionate ha comportato, sia a livello nazionale che internazionale, la chiusura dei musei, così come delle biblioteche, degli archivi, e, infine, degli spazi deputati all’esposizione di opere d’arte contemporanea. Soprattutto in quest’ultimo ambito, il tracollo è stato, fino ad ora, più evidente, tanto da aver creato non pochi problemi anche in termini economici, considerato che, da marzo scorso, sono venuti meno tutti i parametri che reggevano il mercato dell’arte moderna e i rapporti che generalmente insistono tra gallerista, artista e collezionista. Ad avvertire questa crisi sono stati specialmente gli autori più giovani, poiché per i grandi nomi o quanto meno per quelli già storicizzati qualcosa, seppur poco, si è mosso almeno a livello virtuale.

I tempi sono ormai maturi per poter spendere qualche profonda riflessione sul destino delle arti contemporanee e sulla loro sopravvivenza post-covid; una valutazione, che non a caso, emerge nella Giornata del Contemporaneo, giunta, ormai, alla sua sedicesima edizione.

Considerate le distanze adottate per evitare ogni forma di contagio del “coronavirus”, allo stato attuale, l’unico contatto che si riesce a stabilire con qualsiasi artista e la sua produzione sta avvenendo quasi esclusivamente attraverso la rete internet, consultando siti specifici o dedicati, ma, soprattutto, andando a navigare, in modalità random, sui social network più di moda: Facebook, Intstangram e, in qualche caso, Tik Tok. Queste apposte pagine virtuali sono diventate delle vere e proprie agenzie di socializzazione alla pari, la cui forma di comunicazione è implicita, indiretta e generalizzata; tutti questi aspetti riguardano, ora, anche le arti contemporanee. Difatti, la loro fruizione sta diventando sempre più effimera, poiché venendo meno il contatto diretto con ogni loro peculiarità formale e, ancora, non essendoci alcun tipo di scambio culturale con i loro artefici, sta, di conseguenza, mutando il rapporto che, in generale, esiste tra lo spettatore, il territorio e i ovviamente i linguaggi visivi d’avanguardia.

Achille Bonito Oliva

Pronosticare il futuro delle arti certamente non è un fatto semplice da compiere, ma, se è vero che ogni opera è frutto di una speciale alchimia e, soprattutto, di una mai sopita ed individuale kunstwollen, non è da escludere l’ipotesi che le arti post-covid potranno essere caratterizzate da un sentito ritorno alla tradizione, magari ripescata attraverso il recupero della matrice primigenia in delle istanze estetiche e culturali che, verso la fine degli anni Settanta del secolo scorso, vennero promosse in seno al movimento della Transavanguardia di Achille Bonito Oliva.

Luigi Fusco – Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6803 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Franco Pepe. Pizze ai bisognosi, un ventilatore all’ospedale

Claudio Sacco – La pizzeria Pepe in Grani, che ha richiamato a Caiazzo ogni giorno –  fino a quando non è scoppiata l’emergenza covid-19 –  centinaia di persone provenienti da ogni parte d’Italia

Comunicati

Scenari Casamarciano, al via il Festival tra musica e teatro

Claudio Sacco -Gino Rivieccio, Massimiliano Gallo, Roberto Ciufoli sul palco del festival del teatro “Scenari Casamarciano”. E poi ancora un omaggio al grande Ennio Morricone recentemente scomparso, un concerto di

Scuola

Vite di sport, due giornate di incontri online al Liceo Manzoni

Dopo la pausa natalizia, ritornano gli appuntamenti di cultura sportiva al Manzoni,  e, anche se lo sport in questo periodo ha subito delle restrizioni a causa del Covid, le sue

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply