La vita in una stanza, “Un anno dopo” al Civico 14 di Caserta

La vita in una stanza, “Un anno dopo” al Civico 14 di Caserta

Marco Cutillo

Un anno dopo 5– È facile ritrovarsi una sera a teatro, sedersi, guardare e capire, andare via, far finta di niente. È facile poi, soprattutto se il giorno dopo lo spettacolo è domenica, fermarsi a pensare i problemi, la voglia di cambiare. Più dura da combattere, invece, è la sensazione di paralisi che ti stringe e allo stesso tempo ti illumina, facendo comprendere che il teatro è vita e la vita è teatro. “Un anno dopo” è lo spettacolo scritto da Tony Laudadio e messo in scena da Arturo Scognamiglio ed Ettore Nigro, per la regia di Andrea Renzi e andato in scena al Civico 14.

Un anno dopo 3Trenta scenette che germogliano una dall’altra aventi lo stesso filo conduttore, due impiegati che si trovano a diventare per caso compagni di vita. In un primo momento la scrivania che li pone uno di fronte all’altro più che unire sembra dividere le parti, che hanno il viso nascosto da un computer. Sarà la loquacità di Goffredo a rompere il ghiaccio, proponendo subito la capacità umana di creare una relazione come la principale oppositrice dell’alienante imperativo economico-lavorativo. Giacomo, grigio impiegatuccio di provincia con poca velleità, e Goffredo, uomo dalle idee plastiche e utopico sognatore, per lui si potrebbe azzardare la definizione di “cazzaro”. Così, da neonata che si era vista, la loro amicizia cresce in fretta agli occhi dello spettatore permettendogli di apprezzare la profonda evoluzione dei personaggi in breve tempo. Tuttavia questo tempo saponato, inafferrabile, crea uno stato di agitazione che viene stemperato solo da un’amara ironia. Durante i dialoghi si ha l’impressione che Goffredo e Giacomo vogliano tenersi in superficie, non scoprirsi mai veramente, infatti sono le frasi lasciate a mezz’aria, la litania della partenza imminente e la forzata ritrosia di Giacomo a svelare la terribile verità nascosta. Arturo Scognamiglio ed Ettore Nigro interpretano degli incompiuti, esseri umani vinti dalla vita e dalle circostanze. E anche nel finale, quando entrambi sembrano aver spezzato la monotonia di una vita scandita dalla campanella dell’intervallo ergendosi liberi e vincitori e contenti, sono ancora lì, intrappolati tra le quattro mura di un ufficio.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7291 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Gianni Pittella a Caserta con Battarra e Marino

Lunedì 16 maggio alle ore 18.30 presso l’Hotel dei Cavalieri, in piazza Vanvitelli a Caserta, si terrà l’iniziativa “Valori e Idee per una Caserta della Cultura e della Solidarietà”.  Modera

Primo piano 0 Comments

Garanzia Campania Bond, finanza innovativa per le imprese

Maria Beatrice Crisci  – “I nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo e la crescita delle imprese campane. Garanzia Campania bond”. Sarà questo il tema dell’incontro in programma per domani mercoledì

Attualità 0 Comments

Ospedale Caserta, il volontariato al tavolo con il Commissario

Maria Beatrice Crisci – È stato il commissario straordinario dell’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, l’avvocato Carmine Mariano, a presiedere stamattina la riunione del Comitato Consultivo Misto, l’organismo che vede

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply