Le vie dello shopping casertano. Niente sarà più come prima!

Le vie dello shopping casertano. Niente sarà più come prima!

Alessandra D’alessandro

Piazza Dante

– Lo shopping dopo il Covid è davvero cambiato? Durante il lockdown i capi must-have sono stati tute, leggings e capi sportivi da sfoggiare in casa e per le poche uscite tra supermercati e farmacie. Con la riapertura totale dei negozi di abbigliamento, in città si respira aria di cambiamento.

Le boutique cittadine di via Mazzini, corso Trieste e via Vico, tra videocall e socialnetwork, rendono uniche le vendite e coccolano i clienti. I negozi, danneggiati dalle chiusure prolungate, puntano infatti sull’e-commerce, il personal shopping in videochat o via telefono e le consegne a domicilio con consulenze personalizzate per le clienti, come ci raccontano i titolari delle Boutique Nida in via Mazzini. «Gli acquisti – evidenziano – sono mirati, il settore cerimonia è azzerato, ma le boutique guardano al futuro con speranza credendo nel ritorno del cliente fisico che, dopo tanto isolamento, necessita di calore, consigli ed è sempre alla ricerca di unicità, autenticità e cura nei dettagli. Lo shopping diventa più consapevole e proiettato sulla qualità del prodotto piuttosto che sulla quantità. Il fast fashion tramonta velocemente lasciando spazio ai capi elaborati e unici delle case di moda, prediligendo il made in Italy e i capi ecosostenibili».

Via Mazzini

E ancora aggiungono: «La clientela fidelizzata ritorna ad acquistare nelle boutique casertane con esigenze diverse, proiettata verso l’easy wear scegliendo capi iconici, intramontabili e soprattutto pratici. I saldi invernali aiutano il settore dell’abbigliamento, piegato dal lockdown, favorendo gli acquisti nella propria regione o città, anche grazie alla chiusura nel week-end dei centri commerciali che favorisce le passeggiate nelle vie dello shopping casertano».

I consumatori prediligono quindi fare acquisti in tranquillità, vedendo, toccando e provando i prodotti. È il cosiddetto “slow fashion” che permette di appezzare la qualità e la singolarità del prodotto, come afferma anche Giorgio Armani definendo questa crisi “un’opportunità per ridare valore all’autenticità”.

About author

Alessandra D’alessandro
Alessandra D’alessandro 305 posts

Alessandra D'alessandro - Pubblicista. Laurea triennale all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, facoltà di Lettere indirizzo linguaggi dei media. Ha frequentato il liceo classico Giannone a Caserta. Ha conseguito certificazioni di lingua inglese presso Trinity College London. Attualmente collabora nell’azienda familiare occupandosi di social media, comunicazione e fashion buying. Interesse spiccato per il mondo della moda, il giornalismo, la comunicazione e la cultura olfattiva.

You might also like

Primo piano

Ciao Pablito! Con la scomparsa di Paolo Rossi finisce un’epoca

Luigi Fusco – Paolo Rossi, il comico, in molti dei suoi spettacoli degli anni ‘80 si divertiva spesso a raccontare, con chiaro fare ironico, le situazioni che si venivano a

Attualità

Finanziamenti alle imprese. L’Inail chiama a raccolta gli Ordini

(Luigi D’Ambra) – Si terrà domani giovedì 9 marzo alle ore 9,30, presso la Sala Convegni della Comune di Caserta, Chiostro di Sant’Agostino in via Mazzini, il seminario sul tema “Finanziamenti Inail

Primo piano

Settembre al Borgo con La Mansarda, è qui il carro dei comici

Claudio Sacco -Oltre alla musica in programma a Casertavecchia per il Settembre al Borgo, edizione 49, diversi eventi trasversali. Per la rassegna la Mezzasera, alle 19.30 presso il piazzale antistante la Torre