Le vie dello shopping casertano. Niente sarà più come prima!

Le vie dello shopping casertano. Niente sarà più come prima!

Alessandra D’alessandro

Piazza Dante

– Lo shopping dopo il Covid è davvero cambiato? Durante il lockdown i capi must-have sono stati tute, leggings e capi sportivi da sfoggiare in casa e per le poche uscite tra supermercati e farmacie. Con la riapertura totale dei negozi di abbigliamento, in città si respira aria di cambiamento.

Le boutique cittadine di via Mazzini, corso Trieste e via Vico, tra videocall e socialnetwork, rendono uniche le vendite e coccolano i clienti. I negozi, danneggiati dalle chiusure prolungate, puntano infatti sull’e-commerce, il personal shopping in videochat o via telefono e le consegne a domicilio con consulenze personalizzate per le clienti, come ci raccontano i titolari delle Boutique Nida in via Mazzini. «Gli acquisti – evidenziano – sono mirati, il settore cerimonia è azzerato, ma le boutique guardano al futuro con speranza credendo nel ritorno del cliente fisico che, dopo tanto isolamento, necessita di calore, consigli ed è sempre alla ricerca di unicità, autenticità e cura nei dettagli. Lo shopping diventa più consapevole e proiettato sulla qualità del prodotto piuttosto che sulla quantità. Il fast fashion tramonta velocemente lasciando spazio ai capi elaborati e unici delle case di moda, prediligendo il made in Italy e i capi ecosostenibili».

Via Mazzini

E ancora aggiungono: «La clientela fidelizzata ritorna ad acquistare nelle boutique casertane con esigenze diverse, proiettata verso l’easy wear scegliendo capi iconici, intramontabili e soprattutto pratici. I saldi invernali aiutano il settore dell’abbigliamento, piegato dal lockdown, favorendo gli acquisti nella propria regione o città, anche grazie alla chiusura nel week-end dei centri commerciali che favorisce le passeggiate nelle vie dello shopping casertano».

I consumatori prediligono quindi fare acquisti in tranquillità, vedendo, toccando e provando i prodotti. È il cosiddetto “slow fashion” che permette di appezzare la qualità e la singolarità del prodotto, come afferma anche Giorgio Armani definendo questa crisi “un’opportunità per ridare valore all’autenticità”.

About author

Alessandra D’Alessandro
Alessandra D’Alessandro 14 posts

Alessandra D'alessandro - Studentessa presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, facoltà di Lettere indirizzo linguaggi dei media. Ha frequentato il liceo classico Giannone a Caserta. Ha conseguito certificazioni di lingua inglese presso Trinity College London. Attualmente collabora nell’azienda familiare occupandosi di social media, comunicazione e fashion buying. Interesse spiccato per il mondo della moda, il giornalismo, la comunicazione e la cultura olfattiva.

You might also like

Primo piano

Regali per i bambini, i giochi e i giocattoli nell’antica Roma

Luigi Fusco -Tempo di Natale, di auguri e di scambio di doni, soprattutto di giochi destinati ai bambini. Il piacere di esaudire i desideri dei più piccoli sembrerebbe, all’apparenza, un’invenzione

Spettacolo

Caserta. Il baciamano di Manlio Santarelli al Teatro Civico 14

Pietro Battarra – Al Teatro Civico 14 di Caserta va in scena Il baciamano. Giovanni Esposito porta in scena il corrosivo testo di Manlio Santanelli stasera alle ore 21 e

Primo piano

Capua, Marisa Laurito e Iva Zanicchi sono le due donne in fuga

Pietro Battarra – “Due donne in fuga” inaugura la stagione teatrale 2017/18 del Teatro Ricciardi di Capua. L’appuntamento è per giovedì 16 novembre alle ore 21. In scena Marisa Laurito

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply