«Mosaico», la rivista del liceo Quercia compie dieci anni

«Mosaico», la rivista del liceo Quercia compie dieci anni

-Imperdibile appuntamento per il Liceo “Federico Quercia”: lunedì 5 giugno, a partire dalle  ore 16.00 nell’aula magna del liceo, di cui e’ Dirigente Scolastico il Dott. Diamante Marotta, sara’ presentato  il  decimo numero della rivista d’istituto ‘Mosaico’. “Dieci anni sono passati da quando il progetto ha preso il via nel lontano 2014- ha dichiarato il D. S. Diamante Marotta –  Da quei tempi ci dividono molti eventi traumatici che hanno cambiato se non rivoluzionato sia il mondo della scuola – si pensi quanto meno alla Riforma targata Renzi- sia la realtà circostante – e il pensiero non può non andare alla pandemia da Covid-19 e alla guerra Russia-Ucraina. Come si legge nell’Editoriale, “i due lustri che ci separano da quella data hanno notevolmente rafforzato la convinzione della necessità di una scuola – ma, vorremmo dire, di una società pluralista- che si costruisca con il contributo e l’impegno di ognuno. Non a caso infatti il nome scelto per il nostro progetto era/è ‘Mosaico’: si tratta cioè di una composizione frutto di più parti, nessuna delle quali capace di esaurire l’insieme, ma ognuna necessaria nel suo piccolo a disegnare e arricchire il quadro finale. Da soli, è cosa risaputa, non si va da nessuna parte”.
La rivista on line “Mosaico” (ISSN 2384-9738) viene fondata nel 2014 dal Dirigente Scolastico Diamante Marotta  sulla base di un’idea del Prof. Giulio Coppola.


 Attualmente la  redazione della rivista e’ così composta: Dott. Diamante Marotta Direttore Responsabile- Prof.Giulio Coppola Coordinatore Editoriale e Responsabile Grafica- Proff.Rosanna Battista, Francesco Caso, Maria Delle Curti, Giulia Rocco Segreteria di Redazione.
 Uno spirito di condivisione, dunque, caratterizza questa importante iniziativa editoriale  che ha visto, nel corso degli anni,  la partecipazione di docenti interni alla scuola, esterni e soprattutto tanta energia dei giovani allievi della scuola. Tre sono le sezioni del periodico:
 
Ricerche e prove narrative, che contiene lavori originali di interni e non. Autori del decimo numero: Maddalena Serralungo-Virginia Boniello-Francesca Lupo-Martina Liciberto-Melania Musone-Roberto Madonna-Carla Iuliano;
Didattica, in cui confluiscono contributi relativi al mondo della scuola. Autore del decimo numero: Giulio Coppola;
Primi passi, sezione dedicata ai lavori dei ragazzi. Autori del decimo numero: Federica Capasso- Classe 4L-Valeria Riti Tieri-Chiara Coppola e Maria Lorenza-Angela Narducci-Elena Costantino-Agnese D’Ambrosio-Argenta Sara Delle Curti-Camilla Tartaglione- Claudia Piccirillo- Noemi Sara Letizia-Anna Tuosto- Classi 5F e 3L- Arianna Golino-Emanuele Cacciapuoti-Daniela Belforte- Carla Gemma, Martina Moretta-Annachiara Pellegrino-Francesca Maria Sorbo.
Piace sottolineare come molti che hanno firmato contributi da studenti, una volta diplomati hanno continuato a scrivere per la rivista: segno della vitalità e bontà del progetto.
 
“Quella di lunedì 5, però, non vuole essere solo una celebrazione dei primi dieci anni della rivista – ha dichiarato il Prof. Giulio Coppola- ma anche l’occasione per una discussione e progettazione di attività per il prossimo anno scolastico: un momento dunque da non perdere per chi è convinto che la scuola si costruisca dal basso attraverso la messa in comune di idee, riflessioni, entusiasmo”.
Un’occasione da non perdere.
 

About author

You might also like

Cultura

Un concerto e un libro, in memoria della tragedia di Procida

Emanuele Ventriglia -Domani venerdì 18 novembre sarà la ricorrenza del ventisettesimo anniversario della tragedia di Procida. Era infatti il 18 di novembre del 1995. Per questo anniversario sono state organizzate

Editoriale

Terremoto quarant’anni dopo, oggi più che mai “Fate presto”

Maria Beatrice Crisci “Fate presto”. Quel titolo del quotidiano “Il Mattino” all’indomani del terremoto in Irpinia del 1980 suona ancora, quarant’anni dopo, come un monito e riecheggia nelle sale della Reggia

Primo piano

Giardino Inglese, messa in dimora una rara varietà di felce

-Lo scambio di vegetazione di pregio tra l’Orto Botanico di Napoli ed i giardini reali borbonici è una tradizione consolidata e trova continuità in un percorso di salvaguardia della biodiversità,