Museo della Certosa di San Martino, nuove aperture e novità

Museo della Certosa di San Martino, nuove aperture e novità

Luigi Fusco (ph in copertina Enzo Tafuto)

ph Fabio Speranza

-Nonostante le ristrettezze anti-covid, continua ininterrottamente l’offerta culturale da parte di alcune istituzioni museali della Campania. Dopo le iniziative promosse dalle direzioni del Museo Nazionale Archeologico di Napoli e del Palazzo Reale di Piazza del Plebiscito, seguono, ora, quelle del Complesso Monumentale della Certosa di San Martino. Per quanto riguarda gli accessi e le visite, saranno possibili dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 17, con ultimo ingresso previsto alle 16; resta invariata la chiusura nel week end, disposta dal DPCM del 14 gennaio scorso.

Del plesso museale e dell’antica Certosa sono, per il momento, aperti: la Chiesa, senza accesso alla navata, il Cortile Monumentale, il Chiostro dei Procuratori, l’Androne delle Carrozze, la Terrazza del Belvedere, il Quarto del Priore e la Sezione Presepiale, dove, fra l’altro, sono in corso interventi di modernizzazione dell’impianto d’illuminazione. Sono, inoltre, accessibili: il Chiostro Grande, il Parlatorio, la Sala del Capitolo, il Coro, la Sagrestia, la Cappella del Tesoro ed il Refettorio. Tutti questi spazi potranno essere visitati da singoli o da gruppi formati da massimo 10 persone, compresa l’eventuale guida turistica, nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro.

La vera novità della Certosa è, però, la riapertura stabile della Sezione dell’Ottocento Napoletano, un evento che sta a simboleggiare l’avvenuta ripresa dell’attività museale. Al suo interno sono esposte eccezionali testimonianze pittoriche e scultoree realizzate dai più importanti esponenti dell’arte partenopea del XIX secolo. Circa 950 dipinti appartenenti alla Scuola di Posillipo sono presenti in questa galleria, provenienti da donazioni fatte, nel corso degli anni, da vari rappresentanti della borghesia napoletana. Tra i vari autori, ricorrono i nomi di Francesco Netti, Michele Cammarano, Giacinto Gigante, Vincenzo Migliaro, Domenico Morelli, Eduardo Dalbono, Francesco Paolo Michetti, Giuseppe De Nittis e Antonio Mancini. Vi sono, poi, anche quadri di Frans Vervloet, Gabriele Smargiassi, Anton Sminck Pitloo, Luigi Fergola, Gaetano e Giacinto Gigante, autori già attivi presso la corte borbonica, oltre ad alcuni preziosi dipinti della Scuola di Resina. Per quanto concerne le sculture, si rivelano alcuni pezzi in terracotta esposti eseguiti da Vincenzo Gemito, Giuseppe Renda e Filippo Tagliolini. La sezione dell’Ottocento resterà aperta dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 14.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 154 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Luci spente a Caserta. Nessuna paura, arriva l’Ora della Terra

Raffaele Lauria * – Earth Hour ovvero l’Ora della Terra è la grande mobilitazione globale del WWF ma, per la nostra provincia ha un valore ancora più importante: è una ricorrenza di speranza e

Economia

I commercialisti del futuro. Docenti d’eccezione all’Isiss

(Redazione) – L’insediamento ufficiale è previsto per il primo gennaio prossimo, ma simbolicamente il passaggio di testimone c’è stato ieri. Una semplice stretta di mano, infatti, ha sancito davanti ad una

Primo piano

La Fiat 500, la più amata dagli italiani. A Caserta il raduno

Pietro  Battarra –  Domenica ci sarà il primo raduno di 500isti all’ombra della Reggia. È la più amata dagli italiani, è la Fiat 500. L’appuntamento è per le 9 in

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply