Ozi (e appetiti) di Ercole, lezioni-show all’ombra del Vesuvio

Ozi (e appetiti) di Ercole, lezioni-show all’ombra del Vesuvio

Luigi Fusco

-A partire dal 9 settembre e fino al 16 ottobre, presso il Parco Archeologico, il Parco Maiuri e Villa Campolieto di Ercolano sarà protagonista la manifestazione “Gli Ozi di Ercole”. Il ricco calendario della rassegna è costituito da dieci originali lezioni-show in cui si avvicenderanno massimi esponenti italiani della cultura e dello spettacolo. Tema portante del ciclo sarà la cultura materiale, investigata nella sua dimensione antropologica, storica e filosofica. Dalla materia al corpo, i relatori attraverso i loro interventi forniranno le coordinate indispensabili alla comprensione dei desideri legati all’appetito e alle connessioni che insistono tra antico e moderno, non senza tralasciare particolari attenzioni alla sfera dell’eros. L’evento è stato fortemente dal direttore del Parco Archeologico di Ercolano, Francesco Sirano, e promosso dalla Regione Campania.

Il primo appuntamento è previsto giovedì 9 settembre con l’antichista Laura Pepe che discuterà intorno al modo in cui mangiavano gli antichi, soffermandosi poi sulle raffigurazioni del cibo prendendo spunto soprattutto dal Satyricon di Petronio. Ad affiancarla nella lettura scenica ci sarà l’attrice Anna Bonaiuto. Sabato 11 si svolgerà un vero e proprio percorso tra antropologia e archeologia alla scoperta della dieta mediterranea. Relatori d’eccezione saranno l’antropologo Marino Niola ed Elisabetta Moro autrice del volume “Baciarsi” edito da Einaudi. 

Giorno 18, poi, l’archeologo Francesco Sirano, in qualità di massimo rappresentante del parco ercolanense, dialogherà con Gennaro Rispoli, chirurgo e storico della medicina, intorno alle deiezioni, di cui Ercolano custodisce una testimonianza di eccezionale valore.  Per quanto riguarda gli altri eventi, ad intervenire presso i siti ercolanensi saranno, poi, Valentina Carnelutti che esporrà sul tema dell’eros, dei costumi e delle scostumatezze sessuali tra Ercolano e Pompei.  Giovanni Bietti, musicologo, terrà, invece, a Villa Campolieto una lezione-concerto sul don Giovanni di Mozart-Da Ponte, il cui mito è incentrato sui desideri smodati: da quello sessuale a quello alimentare. Ancora, sarà presente Corrado Bologna, accademico e filologo, con una conferenza sul cibo del don Chisciotte di Cervantes. Non mancherà un seminario su Lucrezio, condotto da Ivano Dionigi, specialista dell’antico scrittore, che verrà affiancato dall’attore Massimo Popolizio.

Il desiderio e il piacere verranno altresì trattati dalla filosofa Ilaria Gaspari, mentre per l’evento finale del 16 ottobre ci sarà l’intervento di Edoardo Camurri di Radio 3 e di Marino Niola che discuteranno di cucina e delle sue rappresentazioni insieme al cuoco di fama mondiale Alfonso Iaccarino. L’ingresso agli incontri sarà libero fino a esaurimento posti con prenotazione.  Per ulteriori informazioni: www.gliozidiercole.it – tel 3929851289 – email: gliozidiercole@gmail.com  L’accesso agli eventi sarà vincolato al rispetto delle norme anti-covid vigenti.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 377 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Notte di San Lorenzo, i desideri pericolosi di Giancarlo Covino

Pietro Battarra  (in copertina un particolare del disegno di Giancarlo Covino) – La sera di venerdì 10 agosto tutti con il naso all’insù. Il momento più atteso e romantico dell’estate, la notte

Primo piano 0 Comments

La seta di San Leucio e i progetti degli studenti di Design per l’innovazione

Sinergia tra università e industria: un binomio molto spesso relegato al ruolo di vuoto slogan, ma che a San Leucio – primo esempio di insediamento industriale nella storia della Penisola

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply