Primo Maggio, è la festa di chi ci mette tutta l’arte nel lavoro

Primo Maggio, è la festa di chi ci mette tutta l’arte nel lavoro

Maria Beatrice Crisci

Più generazioni sono cresciute identificando il Primo Maggio con un’icona emozionante, “Il quarto stato, celebre dipinto del 1901 di Giuseppe Pellizza da Volpedo. Un’opera d’arte parla e continua a parlare da decenni e decenni, parla senza proferire le tante parole a volte inutili. Questa è la potenza dell’arte. E anche l’arte ha i suoi lavoratori.

Ma oggi come oggi il Primo Maggio è anche una festa dello spettacolo. E non solo a Roma, dove il Concertone è tradizione consolidata. Musica anche a Napoli, e in Terra di lavoro. Insomma, l’augurio è che l’arte possa dare quella spinta creativa soprattutto ai giovani a conquistare un lavoro cui accedere con le armi dell’innovazione e della contaminazione dei saperi. Ma la giornata del primo maggio «alternativo» in Terra di Lavoro avrà inizio al mattino con un flash mob alle 11 all’ingresso della Reggia, organizzato dalla sezione casertana dell’Aipd, l’associazione italiana persone Down. L’iniziativa per una legittima rivendicazione di inclusione lavorativa ha un carattere nazionale e si svolgerà contemporaneamente in altre città italiane. Sarà possibile seguirla e condividerla sui social con l’hashtag #downlavoro. Alle 18 poi due eventi in contemporanea sempre a Caserta. La libreria Che Storia di via Tanucci guarderà il lavoro dalla parte dei più piccoli. Verrà letto il libro «Cosa faremo da grandi? Prontuario di mestieri per bambine e bambini» di Irene Biemmi e Lorenzo Terranera, Settenove edizioni. E ieri poi, alla vigilia del Primo Maggio, sul tema “Un lavoro per il lavoro” l’inaugurazione della mostra collettiva presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Caserta. A esporre gli artisti Antonio D’Amore, Carlo de Lucia, Bruno Donzelli, Peppe Ferraro, Battista Marello, Gianni Pontillo e Anna Pozzuoli. Buon Primo Maggio a tutti quelli che ci mettono tanta arte nel lavoro!

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

San Bartolomeo, è il protettore dei dermatologi e della pelle

Maria Beatrice Crisci -Sapete chi protegge i dermatologi e gli ammalati con patologie della pelle? San Bartolomeo. E oggi 24 agosto si celebra questo Santo. Secondo la tradizione, il Santo

Primo piano

Fiab Casertainbici, Appiaweek a Calatia e Santa Maria a Vico

(Comunicato stampa) -AppiaWeek è un evento diffuso che attiva decine di associazioni lungo il tratto Roma-Brindisi per sensibilizzare sull’utilizzo della direttrice Appia per un turismo responsabile e sostenibile, come le

Editoriale

San Valentino, il vescovo martire che protegge gli innamorati

Luigi Fusco – Le origini della solennità dedicata a San Valentino e il suo legame con la festa degli innamorati sono molto antiche e fondano le proprie radici nel mondo