Reggia di Caserta, Fausto Mesolella re di luce grazie a Lodola

Reggia di Caserta, Fausto Mesolella re di luce grazie a Lodola

Maria Beatrice Crisci

dig– C’è anche il gigante luminoso di Fausto Mesollela, tra le sculture di Marco Lodola inaugurate il 13 giugno per la mostra Tempus-Time allestita nella Reggia di Caserta, aperta al pubblico dopo la preview per i giornalisti. Al chitarrista casertano, prematuramente scomparso l’anno scorso, è dedicato anche un testo nel catalogo della mostra a firma di Red Ronnie che scrive: “Sono sicuro che lui è felice di essere il Re di luce a Caserta”.

WhatsApp Image 2018-06-14 at 09.08.18

Alfonso Tramontano Guerritore, amico storico di Fausto Mesolella, e Marco Lodola davanti all’opera dedicata al musicista casertano

La mostra Tempus-Time è una doppia personale degli artisti Marco Lodola e Giovanna Fra. Il curatore è il critico d’arte Luca Beatrice. Strutture collocate ai lati del viale che costituisce l’asse centrale del complesso vanvitelliano. Alte tre metri, in perspex trasparente, che alla sera si accendono di luci, di colori, di vita. A organizzarla sono stati Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, del Madre – Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta. Il finissage è previsto per il 15 settembre.

Lodola illuminatoSulle pagine nazionali del Mattino Enzo Battarra scrive: “Le ventuno opere di Marco Lodola, neofuturista degli anni Ottanta, sono in buona parte collocate «en plein air» nel Parco, ma altre sono esposte all’interno del palazzo reale, e precisamente nella Sala degli Alabardieri e in quella delle Guardie del Corpo, proprio all’inizio del percorso di visita degli appartamenti storici. E proseguendo si arriva alla Sala del Ramaglietto, dove il pubblico incontra i lavori su superficie di Giovanna Fra, realizzati con foto digitali elaborate soprattutto su tela, alcuni strutturati in forma di polittici”.

«Tempus – Time» è un esplicito Schermata 2018-06-14 alle 08.45.18riferimento al trait d’union che i due artisti, grazie alle loro opere, creano fra il «tempus», la dimensione temporale legata all’antichità, al classico, e quindi alla storica sede espositiva, e il «time», sintesi del mondo contemporaneo. In pratica, è l’unione tra passato e presente.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Stile

“Marrakesh” è a Caserta, esotico saluto d’estate per l’Esagono

Maria Beatrice Crisci – Appuntamento all’Esagono per il tradizionale saluto d’estate, che quest’anno ha il nome esotico e affascinante di “Marrakesh”. Il concept store di piazza Sant’Anna a Caserta proporrà

Spettacolo

Il teatro è in cammino… e per tre giorni è al Museo Campano

Maria Beatrice Crisci -Da domani a domenica una “tre giorni” di teatro nel Cortile del Museo provinciale campano di Capua per la rassegna «Teatro in cammino».40 appuntamenti in 12 luoghi

Arte

Napoli per Louise Bourgeois: Madre, Trisorio e Capodimonte

(Mario Caldara) – Louise Bourgeois, è quasi superfluo precisarlo, è una grande del mondo artistico contemporaneo. Nata a Parigi nel 1911 e scomparsa a New York – città nella quale

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply