Santa Maria a Macerata, la chiesa con il cimitero dei colerosi

Santa Maria a Macerata, la chiesa con il cimitero dei colerosi

Luigi Fusco

– Lungo la statale Appia, che da Caserta conduce a Maddaloni, è visibile la Chiesa di Santa Maria a Macerata, la cui giurisdizione sacra afferisce all’ente parrocchiale della frazione di San Clemente.

Trattasi di una fabbrica di modeste dimensioni, dall’aspetto semplice, forse anche anonima considerata la posizione in cui si trova; eppure, è tra gli edifici di culto più antichi del comprensorio comunale casertano. Documentata, la prima volta, nel 1113, già con il titolo a Macerata, impiegato per indicarne la collocazione, rispondente ad un posto che doveva essere particolarmente conosciuto. Secondo alcuni studiosi, tale denominazione si riferirebbe ad un antico villaggio composto di capanne, mentre altri storici sono dell’opinione che nelle immediate vicinanze si trovasse un campo dove veniva messa a “macerare” la canapa; una terza ipotesi, invece, riguarda la possibilità che il sito stesso fosse, in epoca romana, una zona di confine, la cui delimitazione era stata composta da ammassi di “macerie”.

Dell’impianto originario di questa chiesa è rimasto ben poco, poiché innumerevoli sono state le trasformazioni apportatevi, soprattutto tra Sei e Settecento. Dalle fonti pervenute, intanto, è noto che agli inizi del XVII secolo rientrava tra le proprietà della famiglia Vivaldi; mentre nel Settecento era ritenuta alla stregua di una cappella rurale, ma dotata di un “romito”. All’anno 1778, risale, invece, il privilegio per la concessione dell’indulgenza plenaria a coloro che vi andavano in visita nel giorno della Natività di Maria e della Pentecoste; il solo perdono parziale delle pene temporali era, invece, conferito a chi vi si recava nelle domeniche e nei giorni di festa del mese di maggio.

Particolarmente devoti verso questo luogo di culto furono i Borbone, soprattutto Ferdinando IV che era solito fermarvi quando si spostava verso il beneventano per le sue battute di caccia.

L’interno di Santa Maria a Macerata è a navata unica e pochi sono gli elementi decorativi che lo caratterizzano, così come è abbastanza scarna la raccolta di oggetti sacri. Notevole è, però, l’affresco presente sopra l’altare, in cui vi è raffigurata la Maria mentre allatta il Bambino; opera mutila e non ben riconoscibile dal punto di vista iconografico e, pertanto, potrebbe essere identificata sia come Madonna del Latte sia come Madonna delle Grazie. Al di sopra di questo dipinto è, inoltre, presente l’iscrizione …LI. D. 9 INNARO 16[18 o 78], probabilmente riferita a un restauro effettuato nel XVII secolo o a una nuova dedicazione della chiesa stessa. Tra il 1836-37, infine, il terreno adiacente venne destinato a cimitero dei colerosi e fra le tante spoglie ivi seppellite vi fu anche quella di Giovanni Graefer, figlio di John Andrew ideatore del Giardino all’Inglese della Reggia di Caserta.

Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9737 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Gli Armonici al Cts di Caserta, un tour di emozioni musicali

-Gli Armonici, un gruppo musicale formato da Francesca Paola Zaza d’Aulisio (voce soprano), Gloria D’Alterio (piano e direttore di coro), Franco Natale (chitarra e mandolino) e il coro femminile a voci dispari composto dai soprani Teresa Luciano e Annamaria

Primo piano

Teatro Civico 14. Doppio appuntamento con Roberto Latini

Claudio Sacco – Arriva a Caserta lo spettacolo Cantico dei Cantici, vincitore di due Premi UBU 2017 nelle categorie “miglior attore/performer” con Roberto Latini e “miglior progetto sonoro” con Gianluca Misiti. L’appuntamento è al Teatro Civico 14

Primo piano

Riveder le stelle, il Dantedì del Terra di Lavoro vive alla Reggia

Maria Beatrice Crisci – È oggi il giorno che segna l’inizio del viaggio della Divina Commedia, è il Dantedì. Alle celebrazioni partecipano anche gli studenti dell’Istituto Terra di Lavoro, di