Sisma 80, un ricordo delle gravi ferite ai monumenti casertani

Sisma 80, un ricordo delle gravi ferite ai monumenti casertani

Luigi Fusco ph Luciano Ferrara

– Oltre i decessi e al di là delle distruzioni che investirono diversi centri urbani dell’Irpinia e del resto della Campania, il terremoto del 23 novembre del 1980 colpì anche innumerevoli edifici monumentali, tra chiese e palazzi storici, il cui ripristino, dopo, non fu certamente dei più semplici. A quarant’anni da questo tragico evento, è possibile tracciare le vicende relative ai danni subiti e agli interventi di restauro che ne seguirono, i cui processi sono poi durati almeno un decennio, salvo casi di irrecuperabilità della struttura stessa o del suo patrimonio di oggetti rari e opere d’arte.

Nella sola Provincia di Caserta, non vi furono beni immobili che riuscirono a non essere intaccati; i danni che li coinvolsero furono di diversa entità, ma al di là della loro consistenza, quasi tutti gli edifici interessati vennero dichiarati inagibili e sottoposti a immediati lavori di ristrutturazione.

A Caserta, presso la Reggia vanvitelliana, furono riscontrate gravi lesioni nelle coperture a tetto, nelle mura laterali riguardanti il Giardino della Flora e in alcune sale degli Appartamenti del Settecento e dell’Ottocento. Danni maggiori vennero riscontrati in varie chiese delle frazioni collinari della città capoluogo; in particolare, nella Chiesa di San Lorenzo martire a Casolla, nella Basilica benedettina di San Pietro ad Montes, con evidenti guasti anche nelle decorazioni ad affresco di età basso-medievale, presso il Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio, dove vennero rinvenuti crolli di alcune parti delle pitture di Hackert nel Bagno di Maria Carolina e nella Cattedrale di Casertavecchia.

Per quanto riguarda il resto della provincia, a Capua, ad esempio, andarono distrutti molti vasi in terracotta esposti al Museo Campano e quasi tutte le chiese del centro vennero dichiarate inagibili. Stessa sorte toccò anche le fabbriche monumentali stanti di Sant’Angelo in Formis, Aversa, Piedimonte Matese, Santa Maria Capua Vetere e in altre località della Terra di Lavoro.

Per avere la mappatura completa di tutte le rovine verificatesi, l’allora Soprintendenza Generale per i Beni Artistici e Architettonici della Campania dovette mettere in campo molte risorse umane, ma tanti contributi giunsero anche da parte di centinaia di giovani volontari professionisti dei beni culturali. Dai rilievi effettuati emerse una nuova topografia, ma anche iconografia, dei monumenti casertani, i cui tratti caratterizzanti erano ormai rappresentati dalle macerie, dalle porte sbarrate e dalle puntellature adottate per evitare ulteriori crolli.

Nel tempo, vennero condotti i lavori di restauro che, pur tra critiche e ritardi, hanno poi consentito di poter godere nuovamente dei luoghi e dei siti storici della provincia.

Oggi, questa triste pagina di un passato abbastanza recente sembra esser stata girata per sempre, ma le ferite ancora restano, specialmente per quegli edifici o quelle opere d’arte che sono stati perduti irrimediabilmente e di cui non è rimasta alcuna traccia.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7126 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Quelle sacre idrie di Casaluce, dalle Nozze di Cana al Santuario

Luigi Fusco – Domenica 17 gennaio, la seconda dopo l’Epifania, si svolgerà presso il Santuario della Madonna di Casaluce, nella cittadina dell’agro-aversano, l’antica liturgia della benedizione delle acque contenute nelle

Primo piano

Università Luigi Vanvitelli, la Sun cambia nome

“L’Ateneo necessitava di una nuova identità. Nell’ultimo decennio abbiamo infatti consolidato e radicato la nostra presenza sul territorio, ed è per questa ragione che sin dall’inizio del mio mandato ho

Cultura

Degustazione rosso sangue al Rodaviva per la presentazione di “Tango Down” di Francesco Durante

Un brindisi ‘rosso sangue’ di aglianico e piedirosso dell’Antica Tenuta “Il Trignano” per il giornalista e scrittore Gianluca Durante che presenta al Rodaviva di Cava de’ Tirreni (via Montefusco, 3),

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply