AmàteLab e l’archeologia industriale. Siag, la fabbrica infinita

AmàteLab e l’archeologia industriale. Siag, la fabbrica infinita

Pietro Battarra

Siag 2– È per venerdì 13 aprile alle ore 19 la presentazione del libro di Francesca Castanò «Angelo Mangiarotti e la fabbrica Siag. La storia di una costruzione infinita», edito da LetteraVentidue. L’appuntamento si terrà allo Spazio X, al Parco dei Pini in via Petrarca a Caserta. In collegamento Skype ci sarà l’architetto Ingrid Paoletti, docente al Politecnico di Milano. L’Ordine degli Architetti ha dato il suo patrocinio.

L’architetto Antonio Buonocore, tra i fondatori di AmàteLab ricorda che “sono ormai parecchi anni che Francesca Castanò si interessa al tema dell’architettura industriale, e AmàteLab ha intercettato questo suo studio rendendolo anche un proprio tema ricorrente: abbiamo già organizzato sull’argomento un incontro presso Spazio X lo scorso anno, abbiamo visitato lo stabilimento ex Pozzi di Sparanise e più recentemente l’ex SIAG di Marcianise”. Quindi, aggiunge: “Venerdì allo Spazio X potremo anche vedere la fabbrica attraverso gli scatti di 4 fotografi campani e degli allievi del workshop di fotografia tenuto da Mario Ferrara nelle ultime settimane.”. “Gli stabilimenti industriali Siag per la produzione di pannelli truciolari – ricorda Francesca Castanò – furono progettati dall’architetto Angelo Mangiarotti con l’ingegnere Aldo Favini tra il 1962 e il 1964. Esempio all’avanguardia per l’attenzione al tema sociale e per la qualità delle soluzioni prefabbricate, il complesso, nato sul modello Olivetti,andava a insediarsi in un contesto agricolo ad alta produzione canapiera, distante dalle zone ASI e dai centri urbani. Alla metà degli anni Ottanta, dopo il passaggio alla società Saffa, cessa la produzione al suoi interno e ha inizio il progressivo decadimento delle parti costruite e delle vaste coltivazioni annesse, oggi incluse tra i beni immobiliari di Invitalia Partecipazioni. L’ex fabbrica Siag, pur nello stato di dismissione e declino, preserva ancora i caratteri di monumentalità e di sapiente bellezza, con cui esordì nello scenario di Terra di Lavoro cinquant’anni addietro, offrendosi quale testimonianza tangibile dell’opera di due indiscussi protagonisti dell’architettura e dell’ingegneria del secondo dopoguerra”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9771 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

I dolci dei morti, entra nella Reggia sua maestà il torrone

(Beatrice Crisci) – La tradizione dolciaria millenaria legata alle ricorrenze di Ognissanti e della commemorazione dei defunti si è fusa con quella molto più recente di Halloween. Ai prodotti di

Primo piano

Vaccini e disinformazione, convegno all’Ordine dei Medici

(Beatrice Crisci) – Vaccini sì, vaccini no? Certo la disinformazione dilaga, soprattutto sul web, che nello specifico diventa un vero e proprio “infernet”. Bene ha fatto l’Associazione delle Mogli dei Medici

Primo piano

CortiSonanti, la sperimentazione video nel festival al PAN

Il Festival di cortometraggi, nato nel 2010 da un’idea di Mauro Manganiello e Nicola Castaldo, accoglie lavori editi e inediti, lasciando ai partecipanti piena libertà sulle tematiche da trattare. Mira