Caserta, al Sant’Agostino la periferia svelata da Bruno Saviani

Caserta, al Sant’Agostino la periferia svelata da Bruno Saviani

Claudio Sacco

2018-12-14 Bruno Saviani copertina– “Il vuoto denso della periferia” di Bruno Saviani, edizioni Saletta dell’Uva, sarà presentato venerdì 14 dicembre alle ore 18. L’appuntamento è al chiostro di Sant’Agostino di Caserta, con ingresso su via Mazzini. Interverranno il critico d’arte Enzo Battarra, il filosofo Lucio Saviani e l’architetto Davide Vargas. I saluti istituzionali saranno portati dal sindaco della città Carlo Marino e dal presidente dell’Ordine degli architetti Rossella Bicco. Introdurrà l’assessore comunale alla Pubblica Istruzione Maddalena Corvino.

Bruno Saviani, casertano, classe 1971, esercita la professione di architetto come libero professionista ed è docente di arte. È stato consigliere dell’Ordine degli Architetti di Caserta e ha diretto il “Laboratorio permanente di Architettura del Mediterraneo”. Ha curato la pubblicazione dei quaderni di architettura, con la partecipazione e il contributo di artisti, filosofi, storici dell’arte.

Queste le sue parole: «La periferia, con la carenza di limiti precisi, la casuale formazione di un mobile tessuto sociale, è vissuta come lenta perifrasi e lungo giro di un “vuoto di memoria”. I repentini attraversamenti, le incessanti ridefinizioni del rapporto tra centri e periferie richiedono invece l’impegno di risposte strategiche e inedite. Ed è sul piano di queste risposte strategiche inedite che va collocata l’espressione “vuoto denso”, solo in apparenza ossimorica e paradossale, che è invece l’interpretazione e la proposta teorica al centro delle pagine del libro».

E sull’idea di progetto questa la posizione di Bruno Saviani: «Il progetto è oggi soprattutto un’appendice che tende il pensiero in avanti e sfida la regola. Il progetto non deve dare alcuna soluzione, ma sfidare una contromossa, attirare l’opposto di sé. Il prossimo passo in avanti di un architetto nel futuro potrà essere proprio la prima mossa nel gioco dell’architettura delle verità prossime. L’architettura, o arte cubica, rilancia continuamente (progetta) le tre dimensioni della contemporaneità: spazio, tempo e confine, moltiplicando la percezione dell’identità».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6655 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

New Hope, ovvero tessitrici di nuove speranze. Apre a Caserta il primo Store

(Beatrice Crisci) – “New Hope rappresenta il segno di come si possa fare lavoro e rendere il mondo nuovo”. Così il vescovo emerito Raffaele Nogaro in occasione della presentazione del

Cultura

“La cetra di Achille”, i laboratori dell’Accademia Yamaha

“La cetra di Achille” è il titolo dei due laboratori musicali organizzati dall’Accademia Musicale Yamaha nei giorni di sabato 22 e 29 febbraio alle ore 16. I due appuntamenti saranno

Primo piano

Ventisette anni di sagra. Sant’Arpino capitale del Casatiello

Maria Beatrice Crisci – E venne il tempo del casatiello, tra i più antichi e suggestivi sapori della tradizionale cucina contadina campana. È una torta salata a base di formaggio, salame e uova. E a Sant’Arpino, in provincia di Caserta,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply