I taralli di Ferragosto, una specialità per la festa dell’Assunta

I taralli di Ferragosto, una specialità per la festa dell’Assunta

Luigi Fusco

-Non solo mare e momenti sacri a Ferragosto, quest’ultimi dedicati all’Assunzione della Vergine, ma anche interessanti intermezzi gastronomici che vanno dal dolce al salato. Tra “braciate” e ricchi contorni, primi piatti “a sorpresa”, oltre alle angurie, i “melloni” e i gelati, c’è un dolce esclusivo che sembra esser tipico solo della provincia di Caserta, anzi di alcune zone dell’area casertana: Alvignano, Capua e soprattutto Santa Maria Capua Vetere. Sono i taralli di ferragosto, una tradizionale specialità dolciaria che, da sempre, viene approntata in occasione delle celebrazioni della Madonna dell’Assunta.
Sono realizzati con farina, uova e liquore d’anice. Le loro origini sono povere, per quanto la consuetudine di confezionarli è antichissima. I taralli di ferragosto si preparano impastando la farina con le uova e aggiungendo poi i liquori. Dopo avergli conferito la forma circolare, seppur irregolare, vengono adagiati su una teglia imburrata e cotti al forno, prima di essere bagnati in una glassa di acqua e zucchero.
Semplici e gustosi allo stesso tempo, di tali dolci se ne possono trovare diverse dimensioni: dai più piccoli a quelli giganteschi nella loro composizione.
Presso Santa Maria Capua Vetere, anni addietro, i giovani fidanzati erano soliti donare, a ferragosto, i taralli alla propria partner, in quanto, per la loro bontà e per il considerevole loro prezzo d’acquisto, erano ritenuti dei veri e propri “pegni d’amore”.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1086 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

La Mansarda, al Real Sito di Carditello week end con le fiabe

Nuovo appuntamento per la rassegna “Le Fiabe nel Real Sito di Carditello”, organizzato dalla compagnia teatrale La Mansarda – Teatro dell’Orco in collaborazione con la Fondazione del bellissimo Sito storico.

Primo piano

Boccaccio e Fiammetta, forse a Capua la loro storia d’amore

Luigi Fusco -Tra il 1327 ed il 1340, il giovane Giovanni Boccaccio si trasferì, insieme al padre Boccaccino di Chellino, da Firenze a Napoli per poter svolgere l’apprendistato presso il

Canale TV

Scultura anticovid di Marello, a inaugurarla il vescovo Lagnese

Maria Beatrice Crisci (ph Bruno Cristillo) – Inaugurata dal vescovo Pietro Lagnese la scultura anticovid realizzata da don Battista Marello su proposta del Lions Club Caserta Vanvitelli. Il video