Riprende il turismo alla Reggia, ma è sempre “mordi e fuggi”

Riprende il turismo alla Reggia, ma è sempre “mordi e fuggi”

Luigi Fusco

-Nonostante il caldo intenso e l’alto tasso di umidità, in tanti sono accorsi alla Reggia di Caserta nell’ultimo week end. Per la maggiore sono vacanzieri settentrionali in viaggio verso ambite mete di mare, della Puglia o della Calabria, che non hanno rinunciato ad effettuare una sosta presso il complesso vanvitelliano. Emergenza covid permettendo, la cui diffusione pandemica è purtroppo ancora in atto, la Reggia, il suo parco e le sue raccolte artistiche ancora attraggono centinaia di visitatori al giorno. Controlli serrati da parte del personale di sicurezza e vigilanza, così come dagli addetti ai servizi di accoglienza e di biglietteria. Difatti, i visitatori prima di entrare vengono sottoposti alla misurazione della temperatura corporea per poi essere incanalati nel rispetto delle norme di distanziamento. Non solo efficacia nella sorveglianza c’è al palazzo borbonico, ma vi sono anche tante opportunità offerte attraverso i servizi di visita guidata prestati dalle Guide Autorizzate dalla Regione Campania. Grazie a questa sinergia, i tanti turisti stanno apprezzando molto le beltà degli appartamenti storici e le suggestioni fornite dal parco reale e dal giardino all’inglese.

Se da un lato, il turismo casertano sembra si stia riprendendo in termini di presenze numeriche, dall’altro, è opportuno evidenziare che si tratta tuttora di una condizione “mordi e fuggi”. Infatti, giusto il tempo di visitare il palazzo che subito gli stessi turisti si rimettono in cammino verso le destinazioni stabilite per la propria vacanza. Pertanto, le strutture ricettive esterne alla Reggia, tra alberghi e ristornati, ancora registrano delle difficoltà, considerate le poche richieste di soggiorno e di consumo di pasti o prodotti locali da parte degli stessi visitatori. Al contempo, critiche sono anche le visite presso gli altri complessi monumentali del territorio, da Casertavecchia all’Anfiteatro Campano, veri e propri gioielli del passato che non sempre vengono inseriti in maniera adeguata in un percorso di valorizzazione turistica dell’intero comprensorio casertano.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 377 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Attualità 0 Comments

Gli occhi di Claudio, la onlus che volge lo sguardo agli invisibili

Alessandra D’alessandro – «Pochi in questo periodo storico hanno la possibilità di vivere in serenità. La pandemia ha tolto il diritto al lavoro, e se si aggiunge questo al numero

Comunicati 0 Comments

La Campania torna a volare, accordo Cira e la società Ali

Claudio Sacco -È stato siglato il contratto tra il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA) e la società Swedish Space Corporation (SSC) per il lancio a giugno del 2022 della capsula

Primo piano 0 Comments

Caserta Campania Pride 2016. Tutto pronto per la sei giorni

È tutto pronto per il Caserta Campania Pride 2016 dal 21 al 26 giugno organizzato da “Rain associazione LGBT* casertana” e il “Coordinamento Campania Rainbow”. Il prossimo 20 giugno alle

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply