Un nonno tra massoneria e fascismo, il libro di Adolfo Villani

Un nonno tra massoneria e fascismo, il libro di Adolfo Villani

Luigi Fusco

-«Massoneria, liberalismo e fascismo in Terra di Lavoro. Alla scoperta di mio nonno, Enrico Villani (1871-1945), studioso, massone, fascista e primo sindaco di Ailano dopo la Liberazione del Sud», è il titolo del nuovo libro di Adolfo Villani edito da Frammenti.

Dedicato alla figura del nonno, il recente lavoro bibliografico di Villani è incentrato sul ruolo e le influenze culturali che ha avuto nei confronti delle rappresentanze culturali, ideologiche e partitiche di Terra di Lavoro negli anni a cavallo tra la fine del XIX secolo e la fine del secondo conflitto mondiale. Al riguardo, come scrive Gianni Cerchia, nella prefazione del testo, “questa la tesi centrale di Villani, la confluenza dei trasformisti non era affatto la conferma dell’eterno ritardo del Sud, quanto invece un preannuncio della normalizzazione che il fascismo avrebbe poi imposto al resto del paese”.

Nel volume, come riportato dallo stesso autore, si sussegue la narrazione storica, così come lo sviluppo dei fatti, analizzate in virtù delle scelte fatte dal suo avo.

La centralità del racconto verte sui rapporti che Enrico Villani ha avuto con la massoneria così come con il fascismo. A muovere i fili di questa singolare vicenda sono, in primis, le ricostruzioni filologiche, di cui si è avvalso l’autore, dedicate alle logge massoniche presenti in Terra di Lavoro, il cui ruolo è stato determinante sia in età risorgimentale che nel periodo postunitario. Altresì, lo stesso Adolfo Villani ha evidenziato come non sono mai state approfondite molto le dinamiche riguardanti i rapporti tra massoneria e fascismo. Una dicotomica relazione che ha avuto una parte chiave sin dai primi esordi del “movimento”, aprendo la strada ai “caratteri del futuro regime mussoliniano”. L’autore, inoltre, si interroga sugli aspetti legati al carrierismo e al trasformismo meridionale avutosi durante il periodo di massima ascesa del Duce e della sua compagine politica. Una realtà che secondo lo stesso scrittore ha ricevuto, al momento, solo parziali letture e non sempre adeguate interpretazioni.

Adolfo Villani, originario di Capua, dirigente politico e saggista. Ha ricoperto incarichi istituzionali, da sindaco della propria città a consigliere regionale, traghettando dal vecchio Partito Comunista all’attuale Partito Democratico. Sue sono altre pubblicazioni come Capua e gli ozi del 2000 – dalla città fortezza alla città cultura nella Campania che cambia, Edizioni CUEN 1996, La qualità di Terra di Lavoro – un progetto di sistema, Edizioni Spartaco 2003 e I Ragazzi del Professore. Il filo rosso delle lotte per la democrazia in Terra di Lavoro e nel Mezzogiorno. Una storia economica, politica e sociale della Campania ripercorsa attraverso la figura dell’antifascista Alberto Iannone, Edizione EDIESSE 2014.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 293 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano 0 Comments

A teatro è tempo di fare salotto, ecco Tato Russo al Comunale

(Claudio Sacco) – Attore, con un’attitudine al palcoscenico straordinaria. Ma anche regista e scrittore di teatro. Tato Russo sa essere protagonista dentro e fuori la scena. Cosa racconterà mai a Maria

Primo piano 0 Comments

Classifica Eduscopio. Il liceo Giannone primo in provincia

Claudio Sacco  “Per l’anno 2018 l’Eduscopio ha classificato il “Giannone” di Caserta primo tra i licei classici statali della provincia e, quest’anno, terzo nella regione Campania, guadagnando tre posizioni, dopo il “Sannazzaro”

Primo piano 0 Comments

Vita da dirimpettai, diverte la pièce in scena a Villa Fernandes

Magi Petrillo – Si ride molto assistendo alla pièce Dirimpettai, lo spettacolo di Eduardo Tartaglia, con Massimo De Matteo, Peppe Miale, Angela De Matteo, Serena Pisa e lo stesso Tartaglia,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply