Vanvitelli è caduto nella rete, per Natale dovrà stare in gabbia

Vanvitelli è caduto nella rete, per Natale dovrà stare in gabbia

Luigi Fusco

– Quel braccio proteso verso la Reggia, la mano aperta che invita la Civitas Casertana a volgere lo sguardo verso il capolavoro della sua vita; sono questi, a ragion dovuta, gli elementi compositivi che caratterizzano l’intero impianto figurativo, e altresì quello iconografico, dell’imponente scultura di Luigi Vanvitelli, sita nell’omonima piazza del capoluogo di Terra di Lavoro.

Realizzata dall’artista Onofrio Buccini, nel 1879, ancora oggi la statua vanvitelliana è tra i monumenti più rappresentativi di Caserta, in quanto, oltre ad avere una forte connotazione identitaria, ha una funzione catalizzatrice capace di catturare sia gli sguardi di tanti cittadini così come di tanti turisti, italiani e stranieri, che, dopo la visita alla residenza borbonica, si avventurano per le strade del centro storico. Nel suo insieme, la statua di Buccini risponde a precisi canoni stilistici di matrice romantica e si inserisce appieno nello spazio scenografico della piazza stessa; luogo deputato, sin dai tempi più remoti, a essere l’epicentro della casertanità più autentica, divenendo, in maniera contestuale, l’area per eccellenza dove, nei secoli, sono stati innalzati gli edifici più significativi della città, emblemi della sua vitalità sociale, politica ed economica. Il tutto, da sempre, è stato concepito come una sorta di salotto all’aperto da condividere nel pieno della sua valenza estetica, il cui godimento avviene tramite la fruizione del bello e chiaramente del “particolare”; eppure, in questo straordinario periodo di Avvento, segnato più dalle attese per i nuovi DPCM anti-covid e poco da un sincero clima di festività, proprio nella suddetta piazza sembra aver preso sopravvento una installazione natalizia, la cui comparsa è avvenuta in maniera a dir poco immaginifica.

La statua di Vanvitelli risulta essere totalmente ingabbiata, anzi quasi aggrovigliata in una specie di rete immaginaria, all’interno di un enorme allestimento previsto per le imminenti celebrazioni del Natale. Da lunghi pali messi agli angoli dell’area circostante il monumento si sviluppano e si incrociano una serie di fili, da cui pendono delle decorazioni a stella di color argenteo.

Senza entrare nel merito di questa “macchina” da festa, la sensazione è che la scultura stessa faccia fatica a “respirare”, a farsi notare per quella che è la sua bellezza primigenia, perdendo, al contempo, la sua potenza evocativa e iconografica. Tant’è! Ciò che ne resta, infine, è solo un po’ di perplessità, anche se non bisogna escludere l’ipotesi che la creazione di questa singolare gabbia voglia rispondere a delle volontà concettuali ben precise, forse legate a quel desiderio di tutti di poter lasciar alle spalle le “oscurità” del tempo presente per poter riveder, quanto prima, il luccicar delle stelle.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.  

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7292 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

L’uomo, quella scimmia nuda che si deve proteggere dal sole

Testo di Enzo Battarra, l’immagine di copertina è l’opera di Dennis Oppenheim Reading position for second degree burn,  1970 – “Questo sole non mi riscalda più”, cantava Albano un bel po’ di anni fa

Scognamiglio è a Caserta, la pasta va a casa della mozzarella

 Regina Della Torre – Saranno le Regie Cavallerizze della Reggia di Caserta a ospitare venerdì 8 giugno, alle ore 18, la presentazione del libro «…e ora Pasta! alla ricerca della dieta

Spettacolo 0 Comments

Teatro a Capua, l’eterno fascino della maschera

Il Centro Studi per la promozione e la diffusione della Maschera Teatrale in Campania dalla Fabula Atellana alla Commedia dell’Arte, nell’ambito della settima edizione della manifestazione “Di Maschera in Maschera:

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply