Civitas Casertana, la prima iscrizione è sulla tomba di Azzone

Civitas Casertana, la prima iscrizione è sulla tomba di Azzone

Luigi Fusco

– All’interno della Cattedrale di Casertavecchia, nell’area a destra del duecentesco transetto, è visibile la lastra tombale del Vescovo Azzone, morto nel 1310. Originariamente, era posta presso il coro dei Canonici; in seguito a una serie di interventi di ristrutturazione della chiesa stessa, avvenuti sia nel Seicento che nel Novecento, la lapide venne più volte spostata per poi essere collocata dove si trova tuttora.

Del personaggio raffigurato è noto che era nato a Parma, dove, nel 1256, era stato canonico del locale duomo. Al 1287 risaliva, invece, la sua nomina a vescovo di Caserta, designata da Papa Onorio IV. Inoltre, ancora in vita era stato definito “Santo” da Carlo II d’Angiò, re di Napoli.

Dal punto di vista compositivo, la sagoma di Azzone è stata resa attraverso una profonda linea incisa sul marmo. Manca in essa una vera e propria caratterizzazione fisionomica; dettagliati, invece, sono stati realizzati i suoi attributi iconografici: il lungo abito talare, il pastorale e soprattutto la mitria cosiddetta “a bustina” corredata di ricami e di infule disposte dietro la nuca.

Attorno alla medesima figura corre, poi, la seguente iscrizione: DE LOMBARDIA QUEM VICTRIX PARMA CREAVIT / ET SANCTUS MICHAEL CASERTA PONTIFICAVIT: AZO PIVS PRAESVL HANC ECCLESIAM RELEVAVIT: MORIBVS ET VITA DOTAVIT ET AMPLFICAVIT / HAC IACET IN SEDE. SED COELI SEDET IN AEDE / ANNO 1310.

Oltre tale iscrizione, sotto i piedi del presule vi è la rappresentazione della medievale Casa Hirta. Trattasi di una raffigurazione stilizzata dell’antico centro casertano, sede della signoria e della curia vescovile, che per quanto “immaginifica” rende appieno l’idea di come era strutturato sia l’impianto urbanistico che quello architettonico. Difatti, sono riconoscibili la cinta muraria, le torri di avvistamento del Castello e l’imponente Campanile della Cattedrale, ma oltre tali elementi topografici ben evidente è l’insegna CIVITAS CASERTANA, da ritenersi quale prima iscrizione attestante il toponimo di Caserta, la cui denominazione ufficiale giungerà soltanto nel Settecento con l’avvento dei Borbone e la costruzione della Reggia.

Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6803 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Rifiuti? No problem! Antonio Malorni alla Canonica di Caserta

Maria Beatrice Crisci – «È una storia che non ha mai avuto risposte. Eppure la soluzione ci sarebbe grazie a due nuovi tipi di impianti per il trattamento dei rifiuti, l’autoclave e

Primo piano

Covid19. E i nostri amici a quattro zampe? Ecco come distrarli

Simone Lino (addestratore cinofilo, esperto di pet therapy) – E’ difficile tenere un cane chiuso in casa per molti giorni. Non solo è difficile, ma non è neanche giusto nei

Cultura

Luca Rossi ospite delle Sere d’Estate con la Pro loco di Casapulla

Manca poco meno di una settimana all’inizio della terza edizione di ‘Sere d’Estate con la Pro loco’ e a Casapulla cresce sempre di più l’attesa per l’evento che quest’anno sarà

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply