Il culto dei morti in Campania, tavola imbandita con il torrone

Il culto dei morti in Campania, tavola imbandita con il torrone

Luigi Fusco

– Tra il primo e il 2 novembre, cioè tra la festività di Ognissanti e la ricorrenza della commemorazione dei defunti, le anime dei nostri cari passati a “miglior vita” sono tra noi, per quanto lo siano sempre.
Secondo la tradizione campana è usanza far trovar loro, a partire dalla notte del 31 ottobre, una tavola imbandita per sfamarli dal lungo viaggio dall’oltretomba.
Un pezzo di pane, un bicchiere di acqua e uno di vino, una porzione di baccalà, una di torrone morbido, quello dei “morti” a forma di bara, e vari pezzettini di torrone bianco con le mandorle: le “ossa dei morti”.
In alcune aree del casertano sono inoltre diffusi i “taralli dei morti”, dolci ricoperti di glassa bianca.
Secondo altre consuetudini locali, i defunti vagano tra noi fino all’epifania, mentre stando ad altre teorie sembra che la loro permanenza duri fino al giorno della candelora.
Ancora una volta, anche per le festività di Ognissanti e dei “morti”, forte è il sincretismo pagano-cristiano, considerate le origini greche, romane ed etrusche del territorio campano e la sopravvivenza nei secoli di alcuni culti, per quanto ne siano stati poi cambiati i nomi e le connotazioni.
Il rimando va a Ecate, divinità ctonia, la cui dimora è negli inferi.
Ed è proprio a novembre, con il ritorno dell’ora solare, che la dimensione di vita di ognuno è pervasa più da ombre che da luci e forte è il desiderio di ricongiungersi l’affetto dei propri cari nell’attesa dell’arrivo della “vera luce” che arriverà con il Natale.
Al riguardo, a Napoli, dove molto sentito è il culto delle Anime del Purgatorio, negli ipogei ospitanti i resti delle “anime pezzentelle”, teschi e tibie, stanti nel Cimitero delle Fontanelle, nella chiesa di Santa Maria del Purgatorio ad Arco e nelle Catacombe di San Gaudioso, c’è sempre un piccolo presepe composto essenzialmente dalla sacra famiglia: il segno tangibile della luce della vita che ritorna in maniera ciclica dopo la morte.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 702 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Ciak, si gira! La città del Foro ospita il commissario Ricciardi

Emanuele Ventriglia – Continuano a Santa Maria Capua Vetere le riprese della serie televisiva prodotta dalla Rai «Il Commissario Ricciardi 2». Per la seconda stagione della fiction, infatti, sono state

Primo piano 0 Comments

Paestum, notti di musica tra i templi

(Mario Caldara) – L’estate ormai è agli sgoccioli, le giornate di sole saranno presto sostituite dal lavoro – per alcuni questo giorno è già arrivato – e le t-shirt estive

Primo piano 0 Comments

Pozzovetere, le eccellenze artigianali locali nell’Antica Dimora

Maria Beatrice Crisci -Le eccellenze dell’artigianato casertano in rassegna nel suggestivo borgo di Pozzovetere. Sarà l’Antica Dimora Santa Maria del Pozzo in piazza dei Colli Tifatini a ospitare la prima

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply